Skip to content

Potere politico e potere economico nell'era della globalizzazione: un rapporto complesso

Le alternative possibili proposte a livello ideologico e partitico

Proprio tra le ragioni di tale successo, in particolare la mancanza di uno Stato mondiale, si nasconde, tuttavia, la soluzione più logica e coerente al problema della perdita della sovranità degli Stati e al declino della politica e del potere politico rispetto all’economia e al potere economico; soluzione che si opporrebbe ad altre due prospettive: a chi non vede altra scelta che “accettare la globalizzazione e il simultaneo trasferimento di potere e di ricchezza a un’èlite capitalista internazionale che rimane fuori dalla democrazia” (Crouch, 2014, p. 137) come un fatto ineludibile e incontrastabile della storia e del progresso umano, e puntare quindi sulla “neoliberalizzazione” degli Stati e sul sogno dell’ideologia neoliberale di una pluralità di mercati in concorrenza perfetta che soddisferanno in toto l’ umanità e gli individui. “In quest’ottica, ciò che è buono per il capitale è buono per tutti. La promessa è la seguente: tutti si arricchiranno e anche i poveri finiranno per trarne profitto” (Beck, 2010, p. 8).

Questa visione accetta e prende sul serio, dunque, le sfide della globalizzazione restando però ancorata all’ottica nazionale della prima modernità; in altre parole ritiene che solo cercando di vincere la concorrenza degli altri Stati, seguendo le imposizioni dell’economia mondiale, nella competizione per attirare il “capitale” mondiale si potranno difendere gli interessi nazionali. Essa, infatti, è portata avanti, a livello partitico e programmatico, a destra dalla destra neoliberale (il Tea Party negli Stati Uniti, ad esempio, la fazione estrema del Partito Repubblicano) che propone un mix di neoliberismo e isolamento culturale (xenofobia e razzismo), mentre a sinistra dalla sinistra della “terza via”, quella inaugurata da Anthony Giddens (1999) e dal partito laburista di Tony Blair. “Quali sono, dunque, i contenuti della loro proposta politica?

In estrema sintesi questa tiene insieme elementi del neoliberismo e della socialdemocrazia, nel tentativo di coniugare crescita e coesione sociale, senza (apparentemente) subordinare l’una all’altra” (Busso, 2015). Inoltre tre sono le dimensioni costitutive di questa visione. “La prima è rappresentata dalle strategie di distanziamento dalle grandi ideologie del Novecento e dal nucleo valoriale della proposta politica del New Labour. La seconda ruota attorno al pragmatismo e all’enfasi sull’efficacia, riassunta dal celebre slogan “What matters is what works”. La terza dimensione è infine centrata sui processi di depoliticizzazione e ri-politicizzazione (Jessop, 2014) che hanno contraddistinto l’azione di governo del New Labour” (ibid.). La chiusura “nazionalistica” risiede nel fatto che, instaurando un’alleanza forte tra politica statale e capitale mondiale ignora e trascura i problemi causati dal neoliberismo “reale”, quello basato sul potere delle grandi imprese e la scarsa rappresentanza dei lavoratori (Crouch, 2014).

In secondo luogo tale soluzione, che spiegheremo tra poco, è in contrasto anche con le posizioni del “doppio protezionismo”, ovvero di chi ritiene che la miglior soluzione sia quella di ergere un muro di fronte alla globalizzazione, considerandola un male assoluto, e richiudersi per difendere ferocemente la “fede” nello Stato nazionale e nella sua unità indissolubile (e le categorie legate ad essa), tipica della prima modernità. A destra tale visione è incarnata dalla destra etnica/xenofobica, la quale associa ad un protezionismo economico (fine della moneta unica e ritorno alla moneta nazionale) uno culturale (con il tentativo di discriminare e di escludere lo “straniero” attribuendogli la colpa di svariati problemi sociali ed economici).

Non è un caso che negli ultimi 20 anni un po’ in tutta l’Europa abbiamo assistito alla nascita di nuovi partiti di tale ideologia e al successo di alcuni (Front Nacional in Francia o la Lega Nord in Italia). A sinistra, invece, questa visione si esplica nella sinistra protezionista e difensivista, la quale non punta su un protezionismo culturale ( o almeno non necessariamente) ma su un protezionismo economico, in particolare il modello politico nazional-statale dello Stato del welfare keynesiano, quello della seconda fase storica descritto nel primo capitolo; quanto più la globalizzazione, l’economia mondiale, la troika premono tanto più bisogna difendere e mantenere completamente intatto lo Stato sociale nazionale assistenziale e le conquiste sociali della prima modernità nella credenza di poter tornare alla prosperità di quegli anni nonostante vari fattori e condizioni siano cambiati.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Potere politico e potere economico nell'era della globalizzazione: un rapporto complesso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gino Andrenacci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e sociali
  Relatore: Sandro Busso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

globalizzazione
scienze politiche
capitale
potere politico
conflitto tra poteri
potere economico
supremazia
troika
welfare keynesiano
depoliticizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi