Skip to content

I Centri Commerciali e la Responsabilità Sociale: La Collaborazione dei diversi Stakeholder per la promozione del benessere collettivo

Il fenomeno dei “Deadmalls”

Il modello di integrazione commerciale deve essere seguito per evitare l'abbandono sia delle città che delle periferie. Infatti, nonostante i centri commerciali extraurbani siano stati ampiamenti criticati hanno rappresentato un punto di riferimento importante per le aree esterne che spesso sono scarsamente collegate alle città.

Inoltre, la demonizzazione degli shopping centers può contribuire a sviluppare il fenomeno del deadmalls che già si sta manifestando negli Stati Uniti.

Secondo Ellen Dunham-Jones, architetto e professoressa di Urban Design presso la Georgia College of Tech Architecture, negli Stati Uniti ci sono circa 1.200 centri commerciali chiusi. Questo fenomeno pone problemi rilevanti per quanto riguarda la conversione delle grandi strutture commerciali in stato di abbandono.

Margaret Crawford, come abbiamo visto in precedenza, ha individuato quali siano stati i fattori che hanno contribuito a segnare la fine del successo dei centri commerciali negli Stati Uniti d'America, ovvero l'avvento dello shopping online, la perdita di interesse da parte dei consumatori e la difficile conversione delle strutture.

La crisi e la chiusura degli shopping centers è stata provocata anche dalla crescita incontrollata di questi complessi commerciali su tutto il territorio americano che ha generato in molte aree urbane una situazione di saturazione del mercato.

Dagli anni Novanta in poi, il Nord America è stato colpito da un fenomeno piuttosto recente: la dismissione commerciale. I centri commerciali avendo perso potere di attrazione nei confronti dei consumatori subiscono un lento processo di declino che comporta, in molti casi, la dismissione delle strutture fisiche lasciando inutilizzati centinaia di edifici.

L'aumento esponenziale dei casi di dismissione ha determinato una crescente attenzione da parte degli attori pubblici e privati che si trovano di fronte ad una sfida di trasformazione urbana senza precedenti. Le dinamiche di crisi hanno fatto emergere per la prima volta la questione della flessibilità delle grandi strutture commerciali, infatti per via della loro breve storia, non avevano ancora dovuto subire cambi di funzione o modifiche architettoniche rilevanti.

Le comunità e le amministrazioni locali, che assistono alla chiusura di un centro commerciale insediato nel loro territorio, devono fronteggiare una situazione del tutto nuova con decisioni programmatiche e interventi progettuali tutt'altro che semplici da realizzare.

Per contrastare il declino delle strutture commerciali, si afferma il processo di demalling che “si articola in una serie di azioni politiche, architettoniche e urbanistiche finalizzate a reinserire gli edifici, o le aree in cui questi sono situati, all'interno dei flussi urbani”.

Negli Stati Uniti, sono già stati realizzati con successo svariati interventi di natura e scala diversa. I centri commerciali vittime della dismissione sono stati in alcuni casi trasformati in nuovi oggetti urbani con funzioni alternative a quella commerciale e in altri casi completamente o parzialmente sostituiti da nuovi edifici o da interi quartieri urbani.

Per fortuna gli “addetti ai lavori” si stanno mobilitando per ideare progetti che riqualifichino i centri commerciali in declino che possono essere trasformati in centri medici, scuole e perfino chiese.

Lo shopping center Highland Mall a Austin in Texas fu aperto nel 1971 ma nel 2010 i negozi erano ormai tutti vuoti. L'Austin Community College decise di acquistare l'area per contrastare il degrado della comunità e ridare vita alla zona ormai economicamente depressa.

Il progetto di riqualificazione fu affidato alla Barnes Gromatzky Kosarek Architects che trasformò l'ex centro commerciale in un laboratorio di apprendimento di grandi dimensioni con 604 postazioni di computer e 18580,608 mq di spazi didattici, una biblioteca e gli uffici. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

I Centri Commerciali e la Responsabilità Sociale: La Collaborazione dei diversi Stakeholder per la promozione del benessere collettivo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Enza Maugeri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali
  Relatore: Maria Teresa Consoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

centri commerciali
spettacolarizzazione
luoghi di consumo
responsabilità sociale
impresa sociale
rivitalizzazione urbana
deadmalls
città e periferie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi