Skip to content

Analisi da un punto di vista sociologico e comunicativo del regime di Kim Jong-un

La libertà di stampa e di informazione

La Corea del Nord si è classificata ultima nell’indice World Press Freedom 2017, peggiorando, ove fosse possibile, il penultimo posto dell’anno prima. La graduatoria tiene conto del dato numerico che si forma mediante un questionario, distribuito da Reporters sans frontières, in cui associazioni e giornalisti di tutto il mondo rispondono in merito a sette argomenti: pluralismo, indipendenza dai media, autocensura e contesto, legislatura, trasparenza, infrastrutture e abusi.

In questo modo si ottiene un primo punteggio, al quale verrà sommato un secondo che tiene conto dei giornalisti uccisi, minacciati, arrestati o licenziati per ingiusta causa. Chi riceve un punteggio minore si colloca in una posizione di vertice, chi ottiene un punteggio elevato va ad occupare la parte conclusiva della griglia di valutazione. Su un massimo di punti totale pari a 100, la Nord Corea è riuscita ad attribuirsene ben 84.98, preceduta da Eritrea e Turkmenistan.

“Un popolo di ignoranti è più facile da governare” è citazione di cui si sono fatti padri in molti, ma mai, come in questo caso, è più appropriata. Il regime della Corea del Nord continua, nell’odierno 2018, a tenere i suoi cittadini in uno stato di ignoranza e paura. Motivo? Perché non avere la libertà di informare, di essere informati (da un solo punto di vista) e di informarsi non permette al cittadino di potersi costruire un’opinione. L’agenzia di stampa coreana, la KCNA, è l’unica fonte di notizie ufficiali per i media e per la televisione.

La conseguenza, per direttissima, è che il cittadino sia obbligato a credere all’unico ente giornalistico, benché tra quotidiani e periodici (tutti rigorosamente pubblicati nella capitale) la scelta sia numerosa (20 e 12). Essa si conferma come ennesima prova della maschera illusiva che il regime vuole apporre sugli occhi dei propri cittadini; quale motivo c’era, altrimenti, di stampare così tanti cartacei, se tutti fanno riferimento alla stessa fonte? Allo stesso tempo, è giusto specificare che ogni notizia, non ha praticamente bisogno di essere controllata poiché è autorizzata dal governo stesso. È un giornalismo fatto “dall’alto”, tipico dei paesi totalitari, in cui la censura è totale e il flusso di informazione assolutamente unidirezionale, dove la verità assume contorni opachi e non c’è possibilità di confronto né verifica. Infatti, anche per quanto riguarda Internet, la Corea del Nord dispone di un proprio browser che però non permette l’accesso ai siti extra-coreani.

Ovviamente, così come non è possibile informarsi, è assolutamente vietato informare. Il giornalismo amatoriale non è concesso, tanto più non esiste, in relazione ad esso, il diritto di cronaca (la facoltà di raccontare notizie e pensieri prevalentemente altrui). In ugual misura, cercare di informarsi può risultare pericoloso. Qualora un cittadino nordcoreano fosse sorpreso con l’intento di, ad esempio, effettuare una chiamata internazionale per ricevere informazioni, la pena potrebbe essere molto severa. Rischia infatti di essere inviato in una struttura detentiva, in un campo di prigionia o, peggio, condannato a morte. Comunque, se il punto di vista giornalistico è uno ed è statale, gli altri media non sono di certo in una posizione migliore. In tutto il territorio sono presenti solamente 3 emittenti televisive, anche queste statali, e in ambito radiofonico il governo di Pyongyang trasmette “La Voce di Corea”, unica emittente, sempre statale, che diffonde a livello mondiale contenuti sull’informazione e sulla glorificazione del paese.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi da un punto di vista sociologico e comunicativo del regime di Kim Jong-un

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Pradelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Antonella Mascio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

libertà
libertà
diritti dell'uomo
diritti dell'uomo
pena di morte
censura
diritti civili
pena di morte
campi di concentramento
censura
corea del nord
diritti civili
kim jong-un
campi di concentramento
corea del nord
kim jong-un

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi