Skip to content

L'esercizio dell'attività d'impresa da parte delle Associazioni e delle Fondazioni

Le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS)

Nel panorama tracciato meritano un paragrafo a parte, per la loro importanza nell’ambito degli enti senza scopo di lucro, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale.
Si deve chiarire da subito come l’istituto delle ONLUS, «l’inelegante acronimo con il quale si richiamano le organizzazioni non lucrative di utilità sociale», ha valore esclusivamente a fini tributari, sebbene i riflessi in ambito civilistico non siano assolutamente marginali. Le ONLUS, infatti, non sono nuovi soggetti che si aggiungono a quelli già noti, ma sono un «contenitore fiscale» a cui possono aderire i vari e diversi soggetti giuridici operanti nel campo della cultura, dello sport e della solidarietà sociale, adeguando i propri statuti secondo regole fissate dalla legge. Si tratta, in particolare, del D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460 che ha affrontato il “riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale”, dove all’art.10 è previsto che possono rivestire la qualifica di ONLUS «le associazioni, i comitati, le personalità giuridica», che rispettino i requisiti dettati dal decreto.

Due sono, sicuramente, gli aspetti importanti da sottolineare: l’inclusione delle società cooperative in un contesto dove sembrerebbero predominare gli enti del libro I del codice civile e la piena considerazione della figura principe del mondo non profit, l’associazione non riconosciuta. In particolare, l’inclusione delle società cooperative ha posto immediati problemi di compatibilità subito sottolineati dalla più attenta dottrina: l’adeguamento di una cooperativa ai requisiti richiesti dal decreto n. 460 del 1997, infatti, comporterebbe l’abbandono dello scopo mutualistico – egoistico che, secondo la tesi tradizionale, costituisce la causa del relativo contratto, in favore di una mutualità c.d. esterna, caratterizzante il fine di solidarietà sociale proprio delle ONLUS. Le uniche cooperative ontologicamente adeguate a rispettare i requisiti richiesti sono, perciò, quelle sociali, figure, peraltro, rientranti tra le c.d. onlus di diritto.

Lo status di ONLUS potrà spettare anche agli enti ecclesiastici (enti riconosciuti dalle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, agosto 1991, n. 287, art.3, comma VI, lett. e)), benché soltanto limitatamente all’effettiva presenza in uno o più settori rientranti tra quelli prescritti e purché mantengano scritture contabili separate (art.10, comma IX, D.Lgs. 460/97): viene, perciò, assoggettata alla normativa esclusivamente l’attività, non l’organizzazione in quanto tale.
L’ottavo comma dell’art.10 menziona alcune categorie di enti (le c.d. ONLUS di diritto) che assumono ipso jure tale qualifica: le organizzazioni di volontariato ex legge 11 agosto 1991, n. 266, purché iscritte negli appositi registri, gli enti non governativi riconosciuti idonei ai sensi della legge 26 febbraio 1987, n. 49 (nuova disciplina della cooperazione dell’Italia con i Paesi in via di sviluppo) e le cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n. 381. In relazione alla disciplina direttamente applicabile a questi enti, pur estendendosi la particolare soggettività fiscale propria delle ONLUS, viene espressamente consentita comunque l’applicabilità delle disposizioni di maggior favore previste dalle normative speciali.

È importante evidenziare anche quali soggetti non possono diventare ONLUS: gli enti pubblici, le IPAB, le società commerciali diverse da quelle organizzazioni sindacali, le associazioni dei datori di lavoro, le associazioni di categoria. Per gli enti pubblici l’esclusione appare dettata dal fatto che essi per legge perseguono obiettivi sociali e per essi è già prevista l’esclusione dalle imposte dirette dall’art.88 del Testo Unico delle imposte sui redditi (T.U.I.R., approvato con D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917). L’esclusione risulta essere penalizzante per le IPAB, gli enti pubblici che perseguono finalità di assistenza e beneficenza, laddove essi svolgono attività non comprese nell’art.88 T.U.I.R., ad esempio quelle di istruzione. In tal caso resta loro la possibilità di trasformarsi in fondazioni di diritto privato e di diventare, quindi, ONLUS. Le fondazioni bancarie restano enti non commerciali e generalmente non sono coinvolte direttamente nella gestione delle attività previste per le ONLUS. Esse per definizione supportano tali attività con erogazioni liberali e, quindi, non possono essere esse stesse ONLUS. Semmai possono favorire il sorgere di tali soggetti e prevedibilmente la gestione di quegli enti che si trasformeranno in ONLUS. Per le società commerciali, naturalmente, l’esclusione è data a causa del fine lucrativo, mentre le altre categorie hanno lo scopo di favorire i propri associati o di perseguire finalità politiche che non rientrano direttamente nelle previsioni delle ONLUS.

Tutte le varie tipologie descritte, con l’esclusione delle ONLUS di diritto, sono assoggettate a precise regole di natura sia formale che sostanziale: svolgimento concreto dell’attività. Le limitazioni previste dalla normativa intendono circoscrivere la categoria “ONLUS” rispetto alla generalità degli enti non commerciali, al fine di prevenire abusi diretti ad usufruire illegittimamente del regime agevolativo previsto per i primi.

Lo status di ONLUS dipende quindi dalla sussistenza dei seguenti requisiti oggettivi:
1. lo svolgimento di attività comprese nei settori tassativamente indicati dal decreto (assistenza sociale e socio-sanitaria; assistenza sanitaria; beneficenza; istruzione; formazione; sport dilettantistico; tutela, promozione e valorizzazione delle cose di interesse artistico; tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente; promozione della cultura e dell’arte; tutela dei diritti civili; ricerca scientifica di particolare interesse sociale (che sia svolta direttamente da fondazioni, ovvero che da queste sia affidata ad università, enti di ricerca e ad altre fondazioni));
2. l’effettività delle finalità di carattere sociale;
3. la forma dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata o registrata con l’inserzione di specifiche clausole nell’atto costitutivo e nello statuto.

Proprio per la tassatività dei settori indicati al punto 1, è fatto divieto alle ONLUS di svolgere attività diverse salvo quelle connesse, e di distribuire, anche indirettamente, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve, o capitale durante la vita dell’organizzazione. Inoltre esse devono obbligatoriamente redigere il bilancio e il rendiconto annuale, impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle direttamente connesse, nonché, qualora per qualunque causa si addivenga al loro scioglimento, è previsto l’obbligo di devoluzione del patrimonio a favore di altre ONLUS, facenti parte della stessa struttura, ovvero a fini di pubblica utilità. Infine, il decreto prevede che la fruizione dei benefici previsti dalla legge discende dall’assolvimento di un ulteriore onere pubblicitario (oltre all’utilizzo della formula “Organizzazione non lucrativa di utilità sociale” o “ONLUS” nella denominazione ed in ogni segno distintivo o in ogni comunicazione da rivolgere al pubblico): l’iscrizione nell’anagrafe delle ONLUS, istituita presso il Ministero delle finanze (oggi denominato “Ministero dell’economia”). Sull’attività delle ONLUS, la nuova legislazione ha previsto momenti significativi di controllo, giustificati dal possesso di uno status speciale, istituendo anche una vera e propria Authority con sede a Milano.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'esercizio dell'attività d'impresa da parte delle Associazioni e delle Fondazioni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Rudilosso
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gianroberto Villa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 167

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi