Skip to content

Feste de l'Unità a Modena. Cambiamenti e tradizioni socio – politiche dal 1983 al 2007

Il debutto delle Primarie e il breve Governo Prodi

In questa parte prendiamo in esame gli ultimi tre anni della nostra trattazione. L'esigenza di un forte cambiamento per l'Italia, le primarie del centrosinistra per la scelta del candidato premier e la vittoria delle elezioni sono gli elementi principali della prima parte di questo periodo. La seconda invece fu caratterizzata, come ogni Festa di Governo che si rispetti, dalla passerella di ministri e dal confronto sull'esperienza di Governo. Non solo, si discusse anche di sé stessi, perché si intraprese un cammino che avrebbe portato alla costituzione di un nuovo partito, ampio, riformista e plurale. Per quanto riguarda la prima fase, il malgoverno del centrodestra e l'ottimo esito delle elezioni regionali del 2005, dettero forza alla candidatura del centrosinistra al governo del Paese, che vedeva, come possibile leader scelto tramite le primarie di coalizione, la figura di Romano Prodi.

La Festa provinciale del 2005 organizzò una serie di iniziative che coinvolgevano le varie anime che si stavano organizzando per comporre la coalizione di centrosinistra, che si sarebbe poi presentata alla tornata elettorale. In un clima di serenità e di positività rispetto all'esito delle elezioni del 2006, si diffuse una certa incertezza sulla stabilità delle alleanze. La difficoltà di unire le varie anime per i dibattiti e le divergenze su alcune tematiche, come l'economia, la politica estera e i diritti, destarono preoccupazione relativamente alla tenuta di un futuro governo. Con la vittoria prima di Prodi alle primarie del 16 ottobre del 2005, e quelle della coalizione del centrosinistra (chiamata l'Unione) alle politiche di aprile, seppur con una maggioranza ridotta al Senato, dopo 5 anni di centrodestra, la Festa fu di nuovo “di governo”. La manifestazione tornò così ad essere un'occasione di dibattito e di confronto sulle azioni dell'esecutivo, presente quasi al completo, ma non solo.

Le Feste del 2006 e del 2007, si occuparono anche del futuro del Partito dei DS, in vista di un nuovo soggetto politico ampio, aperto e riformista. L'aver messo in programma iniziative di riflessione sul nuovo soggetto politico prevedette momenti di celebrazione delle proprie radici, analisi dei valori e di confronto; questo per mettere in cantiere quell'identità che avrebbe dovuto caratterizzare il nuovo Partito. I dibattiti videro la partecipazione di molti esponenti de la Margherita, partito che coi DS sarebbe poi confluito nel PD. Inoltre vennero anche il presidente del PSE Paul N. Rasmussen e, dopo alcuni anni di assenza, il Segretario Generale nazionale della CGIL Epifani.

La partecipazione di queste due figure poté essere un modo per mettere in cantiere il confronto tra questi due soggetti e il nuovo Partito. Per la prima tematica, nel 2006, l'appuntamento DS mise in programma un ciclo di iniziative dal nome “la sfida del Governo”, che affrontava i temi caldi del momento, come la situazione in Medio Oriente, la precarietà e il lavoro, la riforma della Giustizia, le riforme istituzionali e gli investimenti in cultura. Per la seconda tematica invece, nel 2006 abbiamo il ciclo “verso il Partito Democratico”, dove si è parlato dell'esperienza dell'Ulivo in relazione all'idea della costruzione di una casa comune dei riformisti, affinché si unissero e arrivassero al governo del Paese. La riflessione sul proprio futuro fu ancora più importante l'anno successivo. Un lungo striscione affisso all'ingresso scandiva il count-down dei giorni che mancavano alle primarie del 14 ottobre, dove venne eletto Walter Veltroni come primo Segretario del Partito Democratico. Riflettere sul proprio futuro fu l'occasione, qui, per celebrare le proprie radici, mediante approfondimenti sulla figura di Antonio Gramsci, ai 70 anni dalla morte, di Altiero Spinelli, ai 100 dalla nascita e di Don Milani. I temi oggetto di riflessione, in vista del Partito Democratico furono i valori della Resistenza, l'autofinanziamento, il ruolo dei giovani, delle donne e il governo delle città. A dirla tutta, un'altra grande incognita, oltre al Partito Nuovo, incombeva sulla Festa. Quale sarà il futuro, con il PD, della più grande kermesse politica italiana?

In questi venticinque anni abbiamo visto passare tante persone, discutere molti temi, cambiare i partiti e i governi. Si è partiti con l'analisi delle Feste dei temi, dove il programma era quasi esclusivamente concentrato su una tematica, per passare poi al grande appuntamento del 1990 che fece da spartiacque tra il comunismo e il post-comunismo. Fu una Festa di rottura, le più consolidate liturgie comuniste vennero sradicate. I dibattiti con solo esponenti di Partito vennero sostituiti da confronti anche con esponenti di altri partiti, segnando l'apertura del Partito verso l'esterno, proprio nel momento più delicato della sua esistenza. I momenti di discussione cominciarono ad essere moderati da giornalisti anche di fama nazionale e non più dagli esponenti di Partito locali, a segnare una svolta anche nell'immagine del dibattito, che cercò di essere più attraente e televisiva. Questo non fu un caso; l'alta concentrazione di Feste Nazionali tra il 1990 e il 2002 (furono ben cinque), fecero sì che la sala conferenze della Festa fosse sempre sotto i riflettori delle principali reti televisive nazionali. Il programma politico della Festa continuò tra alti e bassi, tra passerelle di ministri, politica fiacca e dibattiti all'insegna dell'antiberlusconismo.

Si arrivò così al 2007, dove la Festa de l'Unità si interrogò sul proprio futuro, e su quale nome avesse assunto con la nascita del Partito Democratico; quel che era certo era che la Festa non sarebbe cessata di esistere. Il dibattito, partito dall'edizione 2007, vide diverse posizioni: quella di chi poco importava del nome e quella di chi riteneva che la parola “Unità” fosse indispensabile. Ne ha parlato, proprio a Modena all'apertura della Festa del 2007, lo stesso Segretario nazionale Fassino, sostenendo che il nome doveva essere deciso da chi le Feste le faceva, e che le polemiche di quei giorni sul tema erano del tutto inutili, poiché le Feste erano sopravvissute con lo stesso nome anche agli altri cambiamenti. La storia ci ha mostrato che le cose non sono andate proprio così. Nel 2008, seguendo la direzione dell'organizzazione nazionale, a Modena e in molte altre realtà, la Festa da “de l'Unità”, diventò Democratica; o meglio, nella nostra città non è mai comparso il nuovo logo “Festa Democratica” ma è stata rinominata come “Festa del PD”, al contrario della vicina Bologna, che era rimasta col suo vecchio nome. Il Segretario provinciale del PD Bonaccini affermava che seppur il nome era cambiato, gli obiettivi erano gli stessi, e che nessuno aveva manifestato avversità a tale scelta.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Feste de l'Unità a Modena. Cambiamenti e tradizioni socio – politiche dal 1983 al 2007

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Raffaele Caterino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Lorenzo Bertucelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi