Skip to content

Comportamento delle dighe in terra soggette ad azioni sismiche

Effetti del sisma sulle dighe

Lower San Fernando Dam

Subito dopo il terremoto, che produsse istantaneamente ingenti danni sulla diga, furono attuate le seguenti misure di sicurezza:
* furono evacuate 80.000 persone;
* si utilizzarono dei sacchi di sabbia per rinforzare la parte bassa della diga;
* si chiusero le portate in ingresso all'invaso e si aumentarono al massimo quelle per lo svaso, tramite: l'utilizzo di pompe da 2 m3=s di portata l'una; della sola torre di scarico posizionata di ovest (siccome quella centrale era sprofondata e non era più utilizzabile). La maggior parte dell'acqua fu poi reindirizzata ad altri invasi o al sistema d'approvvigionamento idrico della città.

Fortunatamente furono necessari soli 4 giorni per ridurre il livello dell'acqua ad una quota sicura, tale da permettere che le persone evacuate tornassero nelle loro case. Ciò anche grazie al fatto che, al momento del terremoto, il livello dell'acqua era di 7,6 m al di sotto dello sfioratore (a fronte dei 3 m previsti dalle modifiche del 1966), con 11 m di franco.
Il danno maggiore si verificò sul paramento di monte che passò da una inclinazione di 2,5/1 a una posizione quasi orizzontale. Ci sono prove del fatto che il terreno è stato soggetto a liquefazione:

* registrazioni del sismoscopio (posto sulla cresta) indicano che lo scorrimento è continuato anche dopo il terremoto, perciò in condizioni essenzialmente statiche, sintomo di una forte perdita di resistenza del terreno della diga;
* indagini sui detriti (dopo aver effettuato lo svaso) hanno evidenziato dei blocchi di materiale che si sono mossi lungo molteplici superfici di scorrimento, caratteristica tipica dei terreni che hanno subito liquefazione (come nel caso del terremoto dell'Alaska del 1964);
* i grandi incrementi di pressione all'interno della diga, registrati dai piezometri presenti e che non sono andati distrutti durante il sisma stesso. I livello piezometrico durante l'evento supera il massimo registrabile per poi tornare a valori normali grazie allo svaso;
* la presenza di bolle d'aria che fuoriescono dalla sabbia nell'area all'estremità della zona soggetta allo scorrimento;
* la natura del materiale ridotto alla consistenza di un fluido nell'area all'estremità della zona soggetta allo scorrimento.

si precisa che gli effetti distruttivi della liquefazione hanno coinvolto la parte della diga a monte, mentre il paramento di valle, come si vede in [Fig2.13], non è stato soggetto a liquefazione.

Upper San Fernando Dam

Poco dopo il terremoto fu fatta un'ispezione, che ha portato alla rappresentazione della sezione in [Fig2.5], cioè del profilo successivo al terremoto (disegnato con il tratto continuo) in confronto con quello precedente al sisma (disegnato col tratteggio).
Sulla diga, a seguito del terremoto, sono comparse delle fratture longitudinali su tutto il paramento di monte che indicano il movimento nella parte centrale e alta della diga.
Nella parte bassa, sul paramento di valle, si è verificato un guasto della condotta, anche questo sintomo di un certo movimento nella zona.
Mettendo a confronto le zone a semi-hydraulic fill e a rolled fill (separate dalla condotta), si nota che lo spostamento osservato nel rolled fill e di entità superiore rispetto al primo. A questo punto Seed (1975) suggerisce che ciò può essersi verificato per due ragioni: lo spostamento maggiore si è verificato nel rolled fill o che la stessa porzione è scivolata lungo il bordo della condotta, ritenendo più plausibile la seconda ipotesi.
L'ispezione, inoltre, ha messo alla luce la presenza di un sinkhole.
Sono stati riscontrati anche movimenti longitudinali sulla diga, ma di entità trascurabile rispetto a quelli trasversali.
Infine nel corpo della diga furono installati dei piezometri, attivi durante l'evento sismico, che forniscono un valore piezometrico fuori scala durante il terremoto [Fig2.14], che si dissipa in tempi molto lunghi (dell'ordine del mese). Questo incremento molto veloce delle pressioni ha prodotto un indebolimento della resistenza del materiale, che ha causato i danni sopra descritti.
In questo caso non si è verificata liquefazione, perciò l'entità dei danni è più ridotta rispetto al caso della Lower San Fernando Dam e circoscritta per lo più alla sola superficie di contatto fra semi-hydraulic fill e rolled fill.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Comportamento delle dighe in terra soggette ad azioni sismiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Dario Sciandra
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Angelo Amorosi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sisma
diga
conza
dam
fernando
villita
acciano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi