Skip to content

Analisi e monitoraggio di frane mediante misure laser scanner terrestre da lunga distanza

La frana di Valderchia

Alle ore 5:00 del 6 gennaio 1997 in località Valderchia del Comune di Gubbio si verificava il franamento improvviso di una consistente porzione del versante sinistro della valle in corrispondenza del toponimo “Osteria Valderchia” che provocava:

- l’occlusione totale del torrente S. Donato, con la creazione di un lago di sbarramento che, in corrispondenza del letto del torrente, presentava una profondità di circa 9 m ed una capacità di circa 6000 m3;
- l’abbattimento di un edificio di civile abitazione ed il gravissimo danneggiamento di un altro edificio, oltre all’abbattimento di alcuni corpi annessi al fabbricato principale;
- l’abbattimento di alcuni pali di sostegno di linee Enel e Telecom con conseguente messa fuori servizio delle reti di distribuzione dell’energia elettrica e delle linee telefoniche.

La frana, (complesso scivolamento rotazionale a superfici multiple – colamento), interessò un’area molto ampia, stimata, in base al confronto tra le cartografie ante e post evento, in circa 17 - 18 ha, presupponendo un volume in sito della massa instabile superiore ad 1 milione di m3. Il piede della frana, ubicato circa a quota 592 m, si estendeva con un fronte di 140 m lungo l’alveo del S. Donato, giungendo direttamente ad appoggiarsi al rilevato del ponte del vecchio tracciato della S.S. 452 “della Contessa”. L’area interessata dal movimento si estendeva fino a circa 750 m s.l.m. per una lunghezza totale di circa 450 m.

Nell’area del coronamento affiora il livello calcarenitico “Contessa”; è qui che si osserva la nicchia principale di distacco.

Il movimento presentava due direzioni principali: verso O nella porzione superiore e verso NO in quella inferiore. Le evidenze geomorfologiche del franamento sono costituite da due nicchie di distacco poste rispettivamente a quota 732 (la principale) e 690 m (la secondaria), e da due accumuli di frana, uno compreso fra la nicchia inferiore e quella superiore e l’altro, più consistente, sito fra il piede e la quota 644 m s.l.m.
Il movimento franoso non determinava perdite di vite umane per due coincidenze fortuite:

- l’allarme lanciato da una delle persone presenti nell’abitazione andata distrutta che consentiva alle due famiglie residenti, per complessive 10 persone, di abbandonare l’edificio e di mettersi in salvo;
- la presenza del rilevato artificiale, ex sede della S.S. 452 “della Contessa”, contenuto tra due muri in pietrame che ha svolto la funzione di sbarramento del movimento franoso, grazie alla sua forma planimetrica ad arco con la convessità rivolta verso il piede di frana. Ciò ha impedito al movimento franoso di estendersi verso la sede stradale dell’attuale S.S. “della Contessa”.

La funzione di stabilizzazione della frana svolta dal rilevato ex S.S. 452 ha trovato ulteriore conferma nelle successive rilevazioni strumentali che hanno mostrato la mancanza di un quadro deformativo e fessurativo delle strutture del rilevato degno di rilievo e l’assenza di spostamenti misurati nell’inclinometro installato nel corpo dello stesso.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi e monitoraggio di frane mediante misure laser scanner terrestre da lunga distanza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Mattiacci
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Geologiche
  Relatore: Aurelio Stoppini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 260

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi