Skip to content

Evoluzione del fenomeno corruttivo e ruolo della criminalità organizzata: il caso Mafia Capitale

Mafia Capitale nel panorama criminale romano

Secondo il rapporto della Dia dell’ultimo semestre 2014 «a Roma e nel Lazio perdura un attivismo criminale polivalente». Non soltanto l’organizzazione di Carminati, come del resto ha sottolineato il procuratore capo Pignatone nella conferenza stampa del 2 dicembre del medesimo anno, bensì diverse organizzazioni opererebbero a Roma e dintorni. Da quelle provenienti dal Sud, trapiantate a Roma sin dagli anni Settanta, a quelle sempre più diffuse di matrice etnica (cinesi, africane ma anche balcaniche), senza dimenticare quelle stanziali facenti capo ai Casamonica, a Roma, e agli Spada, ad Ostia.

Non esiste una cupola a Roma, né una forte territorialità, nonostante ciascun gruppo abbia una sua zona d’influenza e un proprio quartier generale. Dopo la Banda della Magliana, infatti, nessun gruppo criminale sarebbe riuscito ad imporsi in maniera egemone sul territorio.
Le organizzazioni mafiose arrivano nella Capitale attraverso un esodo spontaneo, principalmente per dare uno sbocco nevralgico ai propri traffici illeciti e allo stesso tempo per le immense possibilità di riciclaggio offerte dal mercato; i settori preferiti sono quello edile e turistico, ma non è da meno quello commerciale: bar, sale giochi, parchi auto, distribuzione alimentare, abbigliamento. Tra i traffici illeciti, la droga si rivela ancora tra le fonti principali di guadagno e di prestigio criminale, ma, al tempo stesso, causa di possibili dissidi. Dietro ai diversi omicidi registrati negli ultimi anni (solo nella Capitale dal 2007 al 2013 se ne contano una sessantina), infatti, vi sarebbero soprattutto questioni inerenti allo spaccio di sostanze stupefacenti.
Nonostante tali evidenze, prima degli arresti effettuati con l’operazione “Mondo di Mezzo” (che peraltro nulla ha a che vedere con il traffico di sostanze stupefacenti) nessuno, neppure tra i magistrati, osava parlare di mafia a Roma.

Nella vicina Ostia, quartiere romano, i diversi omicidi susseguitisi nel giro di pochi anni venivano puntualmente derubricati - dalla stampa ufficiale - a ‘scaramucce’ tra bande di spacciatori, mentre gli incendi erano considerati semplici ‘atti vandalici’. Questo almeno fino a luglio del 2013, allorquando scattano le manette per una cinquantina di persone accusate di far parte di una presunta organizzazione mafiosa (anch’essa autoctona come Mafia Capitale) guidata da Carmine Fasciani, la cui zona di competenza va dal Lido di Ostia fino ai quartieri a ridosso della Cristoforo Colombo.

Il gruppo dei Fasciani vanterebbe dei rapporti proprio con il sodalizio di Carminati e avrebbe stipulato con questi un patto di non belligeranza. All’intesa avrebbero partecipato anche gli altri due gruppi criminali operanti all’interno del Grande raccordo anulare, cioè il clan Senese e quello dei Casamonica, con il benestare delle cosche meridionali.

La pax siglata dai ‘quattro Re di Roma’, che risale all’inizio del 2012, sarebbe stata promossa proprio dal presunto boss di Mafia Capitale, dopo aver saputo dell’arrivo presso la DDA romana del dott. Pignatone.
L’autorevolezza di Mafia Capitale non verrebbe riconosciuta soltanto dai tre clan (Senese, Fasciani, Casamonica) di cui ha parlato Lirio Abbate nella sua inchiesta: tra le altre organizzazioni mafiose con cui Carminati e i suoi accoliti avrebbero stretto rapporti, vi sarebbe anche la ‘ndrangheta calabrese.
Per il Tribunale del Riesame risulta evidente non solo la prova dell’esistenza di un rapporto d’affari, ma anche quella di un reciproco rispetto tra le due organizzazioni.

Infatti, scrivono i giudici:
«Sarebbe impensabile che un qualsiasi gruppo di malavitosi che si dedica a sporadiche attività delinquenziali da strada possa essere accreditato di pari dignità da quella che, nel momento attuale, è una delle più pericolose, organizzate e ramificate associazioni mafiose».

Carminati e i suoi sodali avrebbero avuto rapporti anche con Ernesto Diotallevi, noto già ai tempi della Banda della Magliana e vicinissimo a Pippo Calò (il cassiere della mafia siciliana), di recente gravemente indiziato in ordine alla sua appartenenza a Cosa nostra.

Infine, sono stati documentati rapporti con i fratelli Esposito (di origini napoletane) e con la loro batteria particolarmente agguerrita, prevalentemente costituita da soggetti di nazionalità albanese, operante in zona Ponte Milvio, dedita prevalentemente alle rapine e al gioco d’azzardo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Evoluzione del fenomeno corruttivo e ruolo della criminalità organizzata: il caso Mafia Capitale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Fareri
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gabrio Forti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 190

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corruzione
mafia
riforma severino
416bis c.p.
mafia capitale
mafia a roma
corruzione a roma
delitto di associazione mafiosa
delitti di corruzione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi