Skip to content

L'implementazione del microbiota con TRIBIF® aumenta la plasticità delle sinapsi glutammatergiche ippocampali e migliora le performance cognitive nel ratto

Il test del labirinto di Barnes

Dopo 60 giorni di trattamento con TRIBIF, gli animali appartenenti ai due gruppi sperimentali sono stati sottoposti al test del labirinto di Barnes per valutare la loro memoria spaziale. Sono stati utilizzati sei ratti per ciascun gruppo sperimentale. Gli animali sono stati collocati al centro di una piattaforma circolare di plexiglass con 20 fori perimetrali (diametro 10 cm) equidistanti. Uno solo dei fori da accesso ad una gabbietta oscura, il target, dove l’animale è in grado di entrare e sentirsi al sicuro.

Infatti, gli animali posti al centro della piattaforma, sono esposti ad una forte illuminazione (1400 lumen, 200 W) diretta (lo stesso labirinto presenta una superficie lucida e riflettente) e quindi istintivamente cercano una via di fuga. Gli animali possono orientarsi nello spazio grazie alla presenza di cartelli di riferimento (Inserto Figura 5). All’animale viene concesso di trovare liberamente il target in tempo massimo di 3 minuti. La fase di training e di acquisizione dura 4 giorni, con training di 3 min giornalieri.

La posizione del target e dei segnali di riferimento viene modificata ad ogni nuova prova con una rotazione di 90°. Il test (probe) viene effettuato al 5° e al 12° giorno; nei 7 giorni di intervallo, l’animale non è sottoposto al test. Le sessioni di training e di test sono filmate e registrate con una video camera. I parametri che vengono presi in considerazione sono la latenza, ovvero il tempo necessario per trovare il target, e il numero di errori prima di trovare il target.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'implementazione del microbiota con TRIBIF® aumenta la plasticità delle sinapsi glutammatergiche ippocampali e migliora le performance cognitive nel ratto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Piras
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Biologia
  Corso: Neuropsicobiologia
  Relatore: Enrico Sanna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

probiotici
ippocampo
sinapsi
ratto
tribif
miglioramento cognitivo
studi sperimentali
microbiota
gut microbiota
microbiota intestinale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi