Skip to content

Fusione, liquidazione e crisi d'impresa

Le novità in tema di liquidazione. La nuova disciplina sulla revoca

La portata innovativa della riforma si coglie anche in merito alla fusione di società in liquidazione.

Le novità principali riguardano la legittimazione in capo al liquidatori di predisporre il progetto di fusione cd il tatto che non sia necessario procedere preliminarmente all'eliminazione della causa di scioglimento.Si è risolto tra l'altro, il problema in passato dibattuto della compatibilità tra fusione e liquidazione giungendo ad una soluzione intermedia.

In stato di liquidazione perciò, può trovarsi anche la società incorporante, nel senso che l' incorporazione non implichi di per sé la revoca dello stato di liquidazione dell'incorporante.

Secondo autorevoli pareri, la dichiarazione d'insolvenza non inciderebbe sulla struttura organizzativa della società e sull'applicabilità delle relative regole. Ponendoci il quesito se con una fusione in cui una società non in Liquidazione ne incorpori una in liquidazione, si faccia venir meno la liquidazione stessa, la risposta è sicuramente negativa.
Infatti, anche in assenza dell'art. 2501 2° comma, era possibile revocare la liquidazione e poi fare partecipare alla fusione una società non più in liquidazione. Se la norma afferma che è possibile fare partecipare alla fusione una società in liquidazione, implicitamente ma sicuramente, esclude che si debba applicare la disciplina dettata per la revoca della liquidazione.

Possiamo meglio precisare sostenendo che nel caso in cui non abbia avuto inizio la ripartizione dell'attivo, la società in liquidazione possa accedere alla fusione sia in senso stretto che per incorporazione con altre società sia in veste d'incorporante che di incorporata.
La fusione, in questo caso, non implica la revoca dello stato di liquidazione, potendo anzi costituire il mezzo per ottimizzarne i risultati rendendola più efficiente.

Se invece la fusione è la via prescelta per la riattivazione della società disciolta, la revoca dello stato liquidativo dovrà essere deliberala contestualmente alla delibera di fusione secondo le regole del nuovo 2487 ter. Interessante è l'affermazione di chi, in base alla nuova disciplina del suddetto articolo, sostiene che anche una società che abbia già dato inizio alla distribuzione dell'attivo potendo revocare lo stato di liquidazione in ogni momento previa rimozione della causa discioglimento non sia in questo modo più soggetta al limite di partecipazione alla fusione.

Inoltre, la revoca della liquidazione non dovrà precedere l'avvio del procedimento di fusione essendo ammissibile che essa intervenga entro la data fissala per la deliberazione di fusione o anche contestualmente ad essa.
In ogni caso la deliberazione di fusione non potrà essere attuata finchè la revoca della liquidazione non sia divenuta efficace.

Ricapitolando quindi, mentre è certa la necessità della revoca dellaliquidazione nel caso di società che abbiano già iniziato ladistribuzione dell'attivo, nel caso contrano in cui tale distribuzionenon sia avvenuta, la fusione di società in liquidazione nonpresuppone di per sé, che venga sempre revocato lo stato di liquidazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Fusione, liquidazione e crisi d'impresa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Randazzo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: AREA DISCIPLINARE DIRITTO COMMERCIALE
  Relatore: Ruggero  Vigo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riforma diritto societario e procedure concorsuali
fusione e crisi d'impresa
casi giuridici di fusione in caso di fallimento
procedure concorsuali fusione ammissibile
fusione e liquidazione
fusione di aziende in crisi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi