Skip to content

Ventitré secondi. I riflessi di una catastrofe naturale sul linguaggio di una comunità locale

Dopo il 6 aprile 2009

La Protezione Civile ha giocato un ruolo importante nell’immediato post-sisma gestendo gran parte dell’emergenza attraverso operazioni di ricerca e soccorso, allestendo le Tendopoli per accogliere gli sfollati e garantendo la disponibilità di alloggio negli alberghi della costa e della provincia abruzzese. La notte del sisma un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ha dichiarato lo stato di emergenza per il territorio della provincia de L’Aquila e dei comuni della regione, terminato nel 2012, e ha nominato commissario delegato il Capo della Protezione Civile. Nelle prime 48 ore sono state soccorse 28mila persone dalla Protezione Civile, raggiungendo poi il picco totale di 67.500 persone tra aprile e maggio. Decine di volontari sono accorsi da tutta Italia, rimanendo per molto tempo nelle tendopoli.



I mesi successivi sono trascorsi tra sopralluoghi degli edifici, persone che man mano hanno abbandonato i loro alloggi temporanei per rientrare nelle case classificate agibili o per accedere alle abitazione del “Progetto C.A.S.E.” La rabbia divenne il sentimento comune dei cittadini, che continuavano a vedere le macerie abbandonate nella città, soprattutto nel Centro Storico, simbolo di una ricostruzione allora inesistente. L’indignazione fu il sentimento che accompagnava la rabbia degli aquilani quando ebbero l’impressione che si stesse facendo della tragedia un’operazione mediatica, e questa ipotesi si fondava anche sulla scelta di trasferire l’ambientazione del G8 di quell’anno da la Maddalena a L’Aquila. Molti furono i Capi di Stato e di Governo che in quella occasione visitarono la città, tra i quali la Cancelliera tedesca Merkel ed il Presidente USA Obama. Proprio la presenza di quest’ultimo ispirò lo slogan di protesta degli aquilani “Yes we camp”, ovvero “Sì, siamo accampati” mutuato dallo slogan “Yes we can” della campagna elettorale dello stesso Presidente Obama, frase che è rimasta nella memoria degli aquilani e che spesso viene rievocata per sottolineare ironicamente le lungaggini burocratiche della ricostruzione.

Forse, è proprio da questo momento che si può parlare dell’introduzione di un nuovo lessico a L’Aquila, proprio quando i sentimenti del vissuto quotidiano cambiano in base agli eventi in città, a partire dalle 3:32 del 6 aprile 2009.
Una volta spenti i riflettori sulla città, la vita scorre diversa e piena di difficoltà, accompagnando l’inizio dei lavori di ricostruzione partiti nel 2013, quando per i cittadini si apre un piccolo spiraglio di luce, ci sono nuovi problemi da affrontare e una nuova realtà con cui rapportarsi. I risultati riportati di seguito andranno dunque a mettere in luce questo aspetto.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ventitré secondi. I riflessi di una catastrofe naturale sul linguaggio di una comunità locale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Loddi
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2016-17
  Università: Scuola Superiore per mediatori linguistici
  Facoltà: Interpretariato e Traduzione
  Corso: Mediazione linguistica
  Relatore: Carlo Nofri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi