Skip to content

Il divieto di rappresentazione nell'ebraismo

La classificazione come presupposto della conoscenza e delle credenze religiose

Secondo Durkheim “Tutte le credenze religiose conosciute, siano esse semplici o complesse hanno uno stesso carattere in comune: esse presuppongono una classificazione delle cose, reali o ideali, che gli uomini si rappresentano in due classi, in due generi opposti”; e questi vengono identificati nel sacro ed il profano. Prima di approdare alla definizione del fenomeno religioso e della religione nel pensiero di Durkheim, ci sembra molto importante ripercorrere step by step il pensiero che lo ha portato a rintracciare nella classificazione, intesa come processo sociale che poggia su distinzioni dicotomiche del reale, la modalità attraverso la quale l’uomo si rappresenta e dà senso alla realtà entro cui si muove.

Nel 1903 viene pubblicato nell’ Annèe sociologique il saggio De quelques formes primitives de classification nato dalla collaborazione tra il sociologo francese e M.

Mauss. Questo, ancora oggi viene considerato un contributo molto interessante e significativo nell’ambito della riflessione epistemologica, ovvero dell’indagine del come l’uomo struttura la propria conoscenza.
Ne “Le forme primitive di classificazione”, di E Durkheim e M. Mauss, si evidenzia il limite dei logici, che considerano la gerarchia dei concetti come “data nelle cose e immediatamente esprimibile attraverso la catena infinita dei sillogismi” mentre quello degli psicologi risiederebbe nel fatto che questi considerino il processo di classificazione degli esseri, degli eventi e dei fatti del mondo come afferente alle sole forze dell’individuo. “In realtà per noi, classificare le cose significa disporle in gruppi distinti gli uni dagli altri, separati da linee di demarcazione nettamente determinate”.

Durkheim, nota come alla base dell’idea di classificazione vi è “l’idea di circoscrizione dai contorni fissi e definiti. Orbene, si potrebbe in certo modo affermare che questa concezione della classificazione non risale al di là di Aristotele”. La classificazione che poggia sul criterio di distinzione, è un prodotto sociale e pertanto questo è frutto delle condizioni in cui si è manifestato e da ciò se ne deduce che l’uomo non ha sempre percepito la realtà in questo modo. “In realtà, lo spirito umano ha preso le mosse da uno stato di massima indistinzione; ancor oggi c’è tutta una parte della nostra letteratura popolare, dei nostri miti, delle religioni che si basa su una fondamentale confusione di ogni immagine e idea. Si potrebbe affermare che le immagini o idee separate le une dalle altre con una certa chiarezza, non ce ne siano. La metamorfosi, le trasmissioni di qualità, le sostituzioni di anime e di corpi, le credenze relative alla materializzazione degli spiriti, alla spiritualizzazioni di oggetti materiali, sono elementi del pensiero religioso e del folclore”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il divieto di rappresentazione nell'ebraismo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Karen Naccache
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: comunicazione e mass-media
  Relatore: Michele Colafato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi