Skip to content

Il ciclo di vita del retail nella moda. Il caso Yoox.

Limiti e opportunità del canale virtuale

Oltre a tutti i fattori che hanno frenato l’utilizzo di Internet come canale di commercio e che valgono per tutte le aziende, quelle della moda e lusso devono confrontarsi con un rischio di spersonalizzazione del servizio reso attraverso Internet e con la necessità da parte dei clienti di valutare dal vivo i prodotti; la qualità delle trasparenze nei gioielli, la mano del tessuto nell’abbigliamento, la comodità e lo stile delle calzature sono difficilmente riproducibili attraverso il mezzo elettronico (Sodo, 2006). A questi fattori si aggiungono il rischio di diluire l’esclusività del prodotto di alta moda, il timore di prestare più facilmente il fianco alla contraffazione dei propri prodotti, la paura di possibili conflitti con il canale tradizionale e il nuovo ruolo svolto dal punto vendita nel processo di creazione del valore per il consumatore. Inoltre, l’utilizzo di Internet come strumento di e-commerce, unito alla necessità di riuscire a realizzare una stretta coerenza tra i diversi canali, impone una forte integrazione del canale Web con le altre funzioni aziendali, dal Marketing e Comunicazione all’Information Technology e alle Vendite con conseguente necessità di ristrutturazione strategica e organizzativa molto più impegnativa da realizzare rispetto al semplice utilizzo del Web come canale di comunicazione (Sodo, 2006).
Infine, il mezzo Internet mal si presta a identificare con correttezza colori e taglie: privati della possibilità di provare direttamente i prodotti, i clienti sono costretti ad affidarsi a mezzi indiretti per la determinazione della vestibilità. Strettamente connesso a questo problema, a frenare il nascere di nuove iniziative rimane il reso, ossia la restituzione al venditore dei beni appena acquistati da parte dei clienti. L’abbigliamento venduto online, infatti, ha la più alta percentuale di resi rispetto a qualunque altro business online. Secondo Gartner Group possono arrivare fino a 35% del venduto. La tendenza delle aziende di accollarsi anche i costi di trasporto nel caso in cui il prodotto sia restituito per assicurarsi la fidelizzazione dei clienti, fa sì che i costi dei resi possano arrivare secondo Bain & Co., fino al 27% del fatturato (bain.com).
Il reso è dunque dovuto in primis alla questione taglie “che si aggrava in particolare quando si vendono marche diverse a Paesi diversi. Dato l’alto numero di combinazioni - afferma Federico Marchetti -, abbiamo dovuto adottare una matrice Paesi-brand e chiedere ai fornitori di fornire informazioni al cliente sulla vestibilità dei singoli capi per riuscire a fare chiarezza” (moonbusiness.net).
Dati tutti questi limiti, fino a qualche anno fa l’idea prevalente da parte degli operatori del settore era che gli abiti costosi, gli accessori di pregio e i prodotti di lusso non si prestassero a essere venduti nel grande magazzino virtuale di Internet (ilsole24ore.it).
Questi limiti di fatto costituivano una sorta di barriera invisibile fra la decisione di “essere presenti” sul Web ai fini comunicazionali, e la decisione di “agire” sul Web in termini di commercio elettronico.
Le cose sono oggi cambiate profondamente. Tre possono considerarsi le direttrici principali di tale cambiamento:
- il miglioramento delle tecnologie;
- l’aumento della confidenza dei consumatori con il mezzo Internet e l’emergere di un nuovo acquirente online;
- la crisi economica.
Per quanto riguarda il primo aspetto, negli ultimi anni i progressi della tecnologia hanno mitigato alcune delle problematiche appena viste: le immagini tridimensionali ed i cataloghi multidimensionali sono ora in grado di fornire maggiori informazioni sul prodotto (fermo restando che la qualità viene veicolata in Internet principalmente attraverso la forza e il posizionamento del brand). I colori possono essere esaltati e corretti da strumenti in grado di riconoscere la configurazione del monitor dell’utente e quindi di modificare di conseguenza le sfumature. Alcune aziende stanno già al momento utilizzando tabelle di conversione delle taglie, in conformità alla vestibilità dei brand aziendali, piuttosto che degli standard internazionali (Yoox per esempio).
Sodo (2006) sostiene inoltre che in futuro, in questo senso, troveranno sempre maggiore impiego strumenti di calcolo automatizzato della taglia, a partire dai dati di altezza, peso e misura.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ciclo di vita del retail nella moda. Il caso Yoox.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Savini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Edoardo Sabbadin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi