Skip to content

Il Personal Ubiquitous Content: i contenuti che vuoi dove vuoi

La gestione dei contenuti personali in ogni luogo e in ogni momento

La quantità di informazioni disponibili sul web è impressionante, il tempo per navigare è sempre limitato, siti, pagine web, documenti, video vengono salvati (tagging, bookmarking, copia e incolla su un documento…) per poi essere recuperati in un secondo momento. Ma spesso queste risorse non vengono più riviste o rotrovate per motivi di tempo e luogo. Questa è l’epoca della trasformazione tecnologica più rapida di sempre, smartphone e mini pc, stanno diventando i contenitori più diffusi, per i nostri contenuti.

Inoltre l’utente di oggi è sempre più consapevole e desideroso di condividere i propri contenuti e i propri traguardi creativi con i propri amici e contatti, attraverso il web e il mobile.
I social network sono divenuti gli aggregatori narrativi principi del web 2.0 e gli utenti sono sempre più consapevoli e desiderosi di condividere i propri contenuti con i propri amici, attraverso il web e il mobile2. Basti pensare a Facebook, un social network in rapida espansione: è diventato una delle mete online più popolari, più di 250 milioni di persone (un quinto degli utenti di internet) hanno un account Facebook, ogni giorno passano in media sul sito una ventina di minuti. Inoltre il social network è un enorme fonte di dati personali, i navigatori si comportano in modo diverso da come farebbero di solito: usano i loro veri nomi, pubblicano i loro veri indirizzi email, condividono opinioni, gusti, notizie.

Secondo le stime di Facebook, ogni mese gli utenti si scambiano 4 miliardi di informazioni, news di cronaca, aggiornamenti di stato, caricano 850 milioni di foto e 8 milioni di video. Facebook ha dichiarato di rilasciare nei prossimi mesi un’applicazione chiamata Ok Search (VOGELSTEIN, 2009) che permetterà agli utenti di esplorare i feed altrui. “Vuoi vedere che cosa ha scritto uno sconosciuto ha proposito del finale dell’ultimo Harry Potter? Guarda su Google. Vuoi sapere che cosa hanno detto i tuoi amici? Prova Facebook Search.” (VOGELSTEIN, 2009) Non solo, poiché gli amici postano link a siti esterni, si potrà usarlo come via d’accesso al web. “Perché dovresti accontentarti degli articoli
2 L’esempio più noto al riguardo della crescita dell’importanza dei social network, è quello di Twitter, piattaforma di microblogging nata nel 2006 e utilizzata da Barack Obama nelle elezioni presidenziali del 2008 per comunicare via mobile con la community dei propri sostenitori “brief reports from the presidential candidate on what he’s doing and thinking” .

sul fallimento della Chrysler raccomandati dagli algoritmi di Google News, quando puoi leggere quelli consigliati dagli amici?” (VOGELSTEIN, 2009) Seguendo il ragionamento degli sviluppatori di Facebook, questa funzione di Search, sarebbe come un filtro alla marea di informazioni che girano sul web, ma il filtro è operato dalle persone di cui ti fidi: i tuoi contatti. In quest’ottica abbiamo pensato di rendere i social network, e non solo Facebook, il fulcro centrale a cui girasse attorno il sistema. Un altro aspetto positivo è che le persone quando possono decidere che cosa rendere pubblico e cosa privato, si sentono più libere di condividere informazioni.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Personal Ubiquitous Content: i contenuti che vuoi dove vuoi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Sanesi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Design di ambienti per la comunicazione
  Relatore: Maurizio Caporali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

augmented reality
benchmarking
context aware
interaction design
internet
laptop
microblogging
mockup
netbook
nuovi media
pervasive computing
playlist
real time web
scenari
sistemi informativi
smartphone
social bookmarking
social network
social networking mobile
tecnologia
telematica
test utente
virtual home environment
web

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi