Skip to content

La vita on-line. Identità, socializzazione e psicopatologia di Internet

Hacker: criminali moderni o geni incompresi?

Il termine hacker deriva dal verbo inglese ‘to hack’ e significa scomporre ciò che è unito, tagliare, recidere, fare a pezzi, intaccare, incidere. Di conseguenza un hacker è colui che rompe, frantuma, spezza l’integrità di un ambiente informatico.

Generalmente è considerato una persona tecnicamente molto abile in alcuni aspetti della tecnologia del computer. La sua figura viene spesso accostata a quella dei più abili criminali informatici, dediti alla violazione di terminali privati e al furto di informazioni sensibili. In realtà è tutto il contrario, infatti con hacker si identifica la parte “buona” dell’attivismo informatico, mentre la controparte criminale degli hacker sono i cosiddetti ‘cracker’, questi utilizzano le proprie conoscenze informatiche in modo fraudolento.

A differenza dei cracker, gli hacker, si sentono parte di un gruppo, guidati da un obiettivo, quello della liberalizzazione delle informazioni, di cui ne fanno la propria battaglia etica. Il processo di criminalizzazione dell’hacking nasce quando il fenomeno minaccia di voler interferire nella sfera sociale dei Paesi informatizzati.

Il crimine telematico, così come lo conosciamo oggi, non nacque in seguito alle prime intrusioni ma in risposta alle dichiarazioni di libertà di informazione proclamate dagli hacker. Coloro invece che agiscono in modo solitario, amatoriale, sono spinti all’hackeraggio da velleità dimostrative, di riconoscimento e autoriconoscimento, nella ricerca delle conferme della propria competenza, a causa della presenza di alcuni tratti narcisistici.

L’hacker è colui che forza le serrature, che oltrepassa certe restrizioni, ma che possiede anche quella curiosità infantile, quella naturale vocazione alla scoperta, all’esplorazione, alla conoscenza creativa. Da un punto di vista comportamentale l’hacker è un soggetto molto adattativo, che si adegua alle condizioni che trova negli ambienti informatici; riesce a partecipare completamente a quello che è il ‘medium freddo’ per eccellenza, come affermava McLuhan.

Gli hacker hanno questa forte percezione di gruppo che li ha spinti ad adottare una specie di codice di condotta, una regolamentazione etica. Gli hacker autentici sono convinti che la condivisione dell’informazione sia una cosa buona e positiva, che è loro dovere etico scambiare conoscenze scrivendo software gratuito e facilitare alle informazioni e alle risorse informatiche per tutti. Inoltre sostengono che penetrare nei sistemi per puro divertimento e curiosità è eticamente accettabile, sempre se non si cade in atti come il furto, il vandalismo o la diffusione di informazioni confidenziali.

In quel caso un hacker esce dalla logica del suo ruolo e viene etichettato come un cracker. La violazione dei computer che possono fornire informazioni utili per la propria crescita personale o per la collettività è un atto giusto, e dovrebbe essere illimitato. Gli hacker tendono a non fidarsi delle autorità, ree di non divulgare dati di importanza collettiva; promuovono la decentralizzazione. Infine sostengono che un buon hacker si riconosce dai lavori che svolge non dai titoli, dall’età, dalla razza o dalla posizione sociale; credono fermamente che si possa creare arte e bellezza attraverso il computer e che questi ultimi possono cambiare la vita di ognuno in meglio.

Da questa ideologia è facile intravedere i motivi dell’istituzione dei vari reati informatici, che tendono a reprimere l’hacking, oltre al cracking. L’etica hacker è sovrapponibile a quella di qualsiasi altro movimento rivoluzionario della storia, che faceva di un ideale collettivo il suo obiettivo.

Questi rappresentano un pericolo per le società informatizzate in quanto non sono una subcultura oppositiva da combattere e reprimere, con il favore dell’opinione pubblica, ma sono una comunità propositiva, attiva, fiduciosa e diretta che intende agire per modificare qualcosa, per raggiungere uno scopo, attirando verso di sé molte simpatie. Gli hacker rappresentano, quindi, dei nuovi rivoluzionari, dei tecno-rivoluzionari, lontani dalla figura criminale che gli si addossa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La vita on-line. Identità, socializzazione e psicopatologia di Internet

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Malfatto
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinico-Dinamica
  Relatore: Ivano Spano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi