Skip to content

Testi pubblicitari: una cooperazione verso il consumo

La semiotica del testo pubblicitario

In questo terzo capitolo si entra nello specifico di quella che viene definita "semiotica della pubblicità". Bisogna premettere che il messaggio pubblicitario ha come obiettivo, rispetto a qualsiasi altro tipo di messaggio, il raggiungimento di uno scopo secondario, e la valorizzazione positiva del consumo. Questa particolarità del discorso pubblicitario è evidente se esso viene paragonato ad altri tipi di discorso.

Nel capitolo vengono esposte alcune delle principali teorie sul funzionamento dei testi pubblicitari che verranno utilizzate nel quarto capitolo per analizzare alcuni spot. Viene esposto in maniera molto sintetica il tipo di relazione che intercorre tra gli elementi del quadrato semiotico, per poi introdurre la teoria di Floch.

Per definire brevemente che cosa si intende per quadrato semiotico possiamo dire che esso serve a precisare e dispiegare un concetto nei confronti dei concetti che gli sono opposti (vedi meglio § 3.3). Partendo dalle considerazioni di Floch, vengono presentati i vari modi attraverso i quali gli oggetti possono essere valorizzati, e si evidenzia che il valore dell’oggetto non è una caratteristica propria dell’oggetto stesso, ma che dipende dal valore che gli viene attribuito dal soggetto.
Viene messo in evidenza anche il fatto che in un testo pubblicitario, considerato come messaggio di un emittente verso un destinatario, sono presenti, come in qualsiasi comunicazione, le sei funzioni tipiche di Jakobson (le vedremo dettagliatamente nel § 3.8), che sono la funzione emotiva, quella fàtica, quella poetica, quella metalinguistica, quella referenziale e quella conativa. Si cerca di definire i termini "connotazione" e "denotazione", in quanto il ruolo della connotazione è essenziale nella pubblicità. Parlando del concetto di marca, si accenna al fatto che questa possa essere intesa, in taluni casi, come generatrice di mondi possibili.

Si passa poi ad analizzare lo stretto collegamento che vi è tra le tendenze socioculturali e i messaggi pubblicitari e di come negli ultimi decenni sia cambiato il rapporto tra consumatore e prodotto. Quello che interessa mettere in evidenza non è tanto l’aspetto sociologico della questione, ma mettere in luce quegli elementi di cui si deve tener conto nell’interpretare uno spot pubblicitario. Alla semiotica del testo pubblicitario non interessa analizzare i risultati della pubblicità e misurarne gli effetti sul pubblico. La pubblicità può essere indagata da molteplici punti di vista, ad esempio analizzando la sua efficacia sulla base di diverse possibili teorie psicologiche, oppure per mezzo di teorie sociologiche sugli atteggiamenti collettivi e gli stili di vita. La semiotica si distingue da queste possibili analisi per il fatto di mantenere la propria attenzione focalizzata sulla dimensione testuale dell’attività pubblicitaria e per il fatto di cercare di applicare ai testi pubblicitari le proprie teorie sul funzionamento dei testi in generale.

Il discorso pubblicitario
In questo paragrafo si cerca di mettere in luce alcune caratteristiche proprie del discorso pubblicitario, mettendolo a confronto con altri tipi di discorso. Una delle caratteristiche che contraddistingue il discorso pubblicitario è il suo carattere strategico. Per carattere strategico si può intendere l’utilizzo di determinate risorse – che nel caso del discorso pubblicitario saranno l’uso di immagini, di testi scritti e altri materiali testuali – per ottenere un risultato che non ha nulla a che fare con quella che si può definire logica interna, e che ha appunto uno scopo secondario. La particolarità del discorso pubblicitario è evidente se lo si paragona ad altri tipi di discorso. Il discorso giornalistico, ad esempio, per quanto in taluni casi possa essere utilizzato per altri fini, dovrebbe essere finalizzato principalmente all’informazione dei lettori. I discorsi scientifici hanno come fine esplicito quello della crescita della conoscenza. I discorsi dell’intrattenimento è evidente che hanno come fine chiaro e dichiarato quello di intrattenere e divertire i loro spettatori.

La pubblicità, rispetto a tutti questi esempi, è diversa. È evidente che un discorso pubblicitario è implicitamente finalizzato, strategico, e ha uno scopo ben preciso. Un’altra caratteristica che contraddistingue il discorso pubblicitario è il fatto che si tratta di un discorso che è finalizzato sempre a una valorizzazione positiva dell’oggetto o marca che pubblicizza. Ci sono anche degli esempi che sembrano contraddire questa caratterizzazione positiva; si pensi ad esempio alla cosiddetta pubblicità comparativa, che parla male della concorrenza, o alla pubblicità sociale, che cerca di impedire determinati comportamenti mostrando immagini non proprio positive. Volendo esplicitare una regola generale si può dire che un’altra caratteristica del discorso pubblicitario è proprio questa sua connotazione euforica. Questa caratteristica è propria del discorso pubblicitario se lo si confronta con altri generi discorsivi, come quello giornalistico, che tendenzialmente preferisce la disforia e quindi le cattive notizie. Completando il nostro discorso sul processo di valorizzazione positiva della pubblicità, si potrebbe aggiungere che la pubblicità valorizza il tema generale, che è anche un po’ quello che la unifica, ovvero il tema del consumo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Testi pubblicitari: una cooperazione verso il consumo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Quirigoni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Lettere
  Relatore: Paolo Vinçon
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblicità
consumo
enciclopedia
lettore modello
semiotica della pubblicità
autore modello
cooperazione interpretativa
testi sincretici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi