Skip to content

La multicanalità bancaria: modelli di integrazione e implicazioni operative

Lo sportello bancario

Lo sportello bancario rappresenta il più tradizionale ed il più utilizzato fra i canali distribuitivi dei servizi finanziari. Questa importanza deriva dalla presenza massiccia delle banche nel sistema finanziario italiano e dal grado di adattabilità del canale distributivo. Nel contesto dell'evoluzione più o meno marcata dei canali distributivi, lo sportello bancario continuerà ancora per molto a rimanere l'elemento cardine del sistema di offerta delle banche.

Chiaramente, al pari di tutte le componenti del sistema distributivo delle banche, non sarà immune da cambiamenti in funzione del crescente dinamismo dei mercati e per favorire la competitività della banca stessa attraverso soluzioni distributive maggiormente flessibili e in grado di contenere i costi operativi migliorando la produttività. Esso rappresenta l’ambiente fisico al cui interno vengono a contatti gli addetti dell’azienda bancaria e i relativi clienti. Tale canale di distribuzione svolge un ruolo fondamentale dato che tutta la gestione amministrativa dei prodotti e dei servizi finanziari avviene nell’operazione di back-office dello sportello ma allo stesso tempo svolge una funzione di immagine dell’azienda nel senso che rappresenta agli occhi del cliente l’immagine dell’intermediario. Per tale motivo possiamo identificare due funzioni dello sportello bancario: quella di “vetrina” e quella di “officina”.
Nel momento in cui una banca decide di aprire nuovi sportelli, le si pongono davanti delle scelte relative ai fattori di organizzazione della rete sportellare; organizzare la rete sportellare significa innanzitutto decidere il numero di sportelli da aprire, dove ubicarli e quali funzioni deve svolgere ciascun sportello.
Analizzando la prima variabile relativa alla numerosità degli sportelli, osserviamo che in seguito alla liberalizzazione di Bankitalia, negli ultimi anni si è assistito ad una vera e propria “corsa agli sportelli”, o creandone di nuovi o acquisendoli come eredità da altri intermediari. L’obiettivo che ogni banca intendeva raggiungere era quello di sfruttare l’effetto localizzazione per accrescere il proprio bacino di utenza e conseguentemente incrementare i volumi finanziari intermediati. Tuttavia molte banche, spinte dalla frenesia di crescita e per il timore di essere assorbite da altre banche, hanno compromesso i loro equilibri dato che, a causa degli ingenti costi che l’apertura di nuovi sportelli comporta, non sono riuscite a coprire le spese con i ricavi dello sportello.
Per quanto riguarda la scelta della localizzazione degli sportelli, essa è condizionata da tre fattori fondamentali, la prima delle quali è la strategia di crescita dell’intermediario infatti è normale che, a seconda della zona in cui l’intermediario vuole ampliare il suo bacino d’utenza o a seconda del segmento di clientela a cui intende rivolgersi, andrà a localizzare lo sportello nella locazione per lui più vantaggiosa. L’altro fattore è rappresentato dalla fisionomia della rete sportellare.
L’intermediario infatti non andrà a localizzare gli sportelli laddove il mercato è già saturo a causa della presenza di sportelli della stessa banca o della concorrenza. Infine è opportuno analizzare anche le caratteristiche socio demografiche dell’area di insediamento, ossia la densità della popolazione, il reddito pro-capite, la movimentazione di persone dovuta ad aree turistiche, per capire se la localizzazione è vantaggiosa ed è possibile trarne dei benefici.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La multicanalità bancaria: modelli di integrazione e implicazioni operative

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Caterina Soleti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia, mercati globali e informazione (64S)
  Relatore: Pasquale  Di Biase
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi