Skip to content

How Big Companies Make Innovation Acquiring Startups

The M&A Balance for Startup Ecosystems

Is important to give a geographical dimension to the M&A markets that considers also the regions inside USA and Europe (the rest of the world will be treated in a general way, considering that is the 10% only of the total M&A activity), identifying the best Ecosystems and Innovating Hubs.
To do that has been created an exit/acquisition index for geographical area. This number represents a ratio between the exits and the acquisitions performed in the same area by local firms.


[...]
Empirically has been observed that the best Startups Ecosystems with the greatest performances are those areas where α and β are approximate to 1. In fact where there is a balance between buyers and sellers. Speaking about Ecosystems is due to start from the Silicon Valley. That area for dimensions of the phenomena is the only region that can be compared with countries and continents. Here we have a perfect balance between exits and acquisitions with a slight negative β , which means that the money received in acquisitions is a little more than the spent one. In Silicon Valley there are both a ecosystem able to generate startups and a strong presence of BCs willing and able to absorb this offer.

The general american situation isn’t much more different. An α= 0,9 suggest the ability of the USA venture to attract companies form other parts of the worlds. In the rest of the world the situation is different at all. α and β can also be taken as measure of the transfers, the flows between Countries of firms and so, of technology, Innovation, know-how, market shares; Wealth in a word. In fact if we observe the other world Areas the best one is Europe, the closest to the general balance of both indexes, but where there is still a drain of startups to other areas, with a negative M&A balance. That is sign of a of a traditional ecosystem which has not yet adapted, that is able to produce startups but where the presence of BCs disposed to acquisitions isn’t still enough strong. Taking the overall data of USA and EU, that as said together constitute the 80-90% of the global market as buyers and sellers, results that there is a net flow of startups from Europe that is going to benefit of the american system.

Accounting the other areas the general balance is negative as in EU but in a higher measure, a predictable aspect with younger and less developed ecosystems, that also in a lot of cases involves Developing Countries with various deficits. However, it is worth mentioning the Asian regions the β= 0.5 tells that these Countries, for firsts China, Japan and South Korea, are net acquirers of startups. Obviously there is a huge imbalance between the capital received in M&A deals and capital spent in acquisition, precisely the double. It seems that there is a strong presence of BCs active in Open Innovation and acquisitions, but where there is a lack of supply from the local startups system. China with its monster resources is strongly work to reduce the gap with the american system.

In fact China is actuating policies to attract and apply ever more national and foreign funds for startups. In first line the chinese digital giants like Tencent and Alibaba with the Government through an alliance between its fund Starquest Capital and Sequoia Capital China, the chinese division of the famous california’s Capital Venture. These politics are part of the China’s 2030 program. In 2018, the startups market has been able to rise $58.8 billions of dollars against the $67 the USA (Monica d’Ascenzio, 2018). In particular with not only economical but also politics reasons, the government posed priority to become the world leader in strategical fields like drones, the Autonomous Drive and the Artificial Intelligence, with the target to transform the AI in a $150 billions industry in 2030.

Examining more deeper the European Union the North-Center countries have a better M&A balance, close to the balance, while the southern and east countries show a negative balance and so net sellers of startups. That is in line with the economy’s general situation inside the Union. In particular the best performance is from UK, followed by Germany with the growing hubs of Berlin and Hamburg. UK leads countries in Europe in exit volume with 1,234 since 2010, like the total volume of Germany, France, Spain and Italy combined. As slight net buyers of startups we have France, Switzerland and Norway.

Questo brano è tratto dalla tesi:

How Big Companies Make Innovation Acquiring Startups

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: William Warnots
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Tonino Pencarelli
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione
globalizzazione
grandi aziende
open innovation
startups acquisitions trends
acquisizione startups
big companies

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi