Skip to content

Due traduzioni ceche del Poema Gory di Marina Cvetaeva

Informazioni tesi

  Autore: Maria Cristina Motta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Maria Di Salvo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 258

Il mio lavoro voleva esaminare le due traduzioni esistenti in ceco del Poema Gory della poetessa russa Marina Ivanovna Cvetaeva, realizzate rispettivamente da Jana Štroblová e Hana Vrbová, allo scopo di mostrare le tecniche utilizzate per conservare gran parte delle peculiarità dell’originale nella lingua di arrivo e di evidenziare le differenze d’interpretazione tra le due versioni.
Il processo di traduzione di un testo poetico presenta infatti notevoli difficoltà, dovute in primo luogo alla polisemia e alla voluta ambiguità di alcuni termini e di interi enunciati che spesso non possono essere mantenuti come tali, ma richiedono un’interpretazione da parte del traduttore. In secondo luogo, per ottenere un testo il più possibile equivalente per qualità artistica all’originale, una traduzione poetica deve necessariamente trasmettere nella lingua di arrivo tutte quelle particolarità foniche e metriche che spesso non sono fini a sé stesse, bensì anch’esse portatrici di significato. Questo è particolarmente vero per una poetessa come la Cvetaeva, che ama giocare con i termini in rima e accostare vocaboli fonicamente simili per instaurare particolari rapporti semantici. La comune origine slava delle lingue russa e ceca spesso facilita il mantenimento di alcuni di questi procedimenti che in altre lingue andrebbero persi, primo fra tutti la fondamentale associazione tra i termini «гора» е «горе». Tuttavia, questo non è sempre vero e in alcuni casi le differenze comunque notevoli tra le due lingue relativamente ad aspetti fonetici, morfologici e sintattici rende impossibile riprodurre nella lingua di arrivo fenomeni significativi presenti nell’originale.

Il lavoro si apre con una breve introduzione di carattere storico-biografico, Marina Cvetaeva a Praga, che descrive il rapporto della Cvetaeva con la capitale ceca dove visse in esilio dal 1922 al 1925. Il secondo capitolo è invece dedicato più dettagliatamente all’esposizione di caratteristiche e significati del Poema Gory, ispirato alla poetessa dall’infelice storia d’amore con K. B. Rodzevič e incentrato sulla trasfigurazione della “montagna” che da semplice colle praghese diventa personaggio e scenario dell’intera opera. Nel terzo capitolo, Problemi della traduzione, viene invece dato spazio ad alcune considerazioni sul processo della traduzione attraverso la presentazione di alcune delle più importanti riflessioni teoriche riguardanti il tema della traduzione letteraria.
La parte più consistente del lavoro, corrispondente al capitolo quarto, è infine costituita da un’analisi strutturata in diversi paragrafi che corrispondono ai criteri di confronto impiegati nell’esaminare le due traduzioni. Dopo una breve presentazione delle due traduttrici ho preso in considerazione in primo luogo le differenze tra i testi in lingua ceca e l’originale russo dovute alle diversità tra le due lingue. Successivamente mi sono occupata del rispetto delle qualità foniche del poema da parte delle due traduttrici e mi sono soffermata sul loro comportamento nei confronti dei procedimenti stilistici adottati dalla Cvetaeva, quali l’uso di enjambements, parallelismi e tropi di diversa natura. Infine, ho preso in esame le modifiche che hanno subito alcune immagini nel passaggio dal testo di partenza a quelli di arrivo, nonché i criteri che hanno portato alla scelta dei vocaboli nelle traduzioni, con riferimento anche al condizionamento esercitato in questo senso dalle regole metriche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
III INTRODUZIONE Questo lavoro intende esaminare le due traduzioni esistenti in ceco del Poema Gory della poetessa russa Marina Ivanovna Cvetaeva, realizzate rispettivamente da Jana Štroblová e Hana Vrbová, allo scopo di mostrare le tecniche utilizzate per conservare gran parte delle peculiarità dell’originale nella lingua di arrivo e di evidenziare le differenze d’interpretazione tra le due versioni. Il processo di traduzione di un testo poetico presenta infatti notevoli difficoltà, dovute in primo luogo alla polisemia e alla voluta ambiguità di alcuni termini e di interi enunciati che spesso non possono essere mantenuti come tali, ma richiedono un’interpretazione da parte del traduttore. In secondo luogo, per ottenere un testo il più possibile equivalente per qualità artistica all’originale, una traduzione poetica deve necessariamente trasmettere nella lingua di arrivo tutte quelle particolarità foniche e metriche che spesso non sono fini a sé stesse, bensì anch’esse portatrici di significato. Questo è particolarmente vero per una poetessa come la Cvetaeva, che ama giocare con i termini in rima e accostare vocaboli fonicamente simili per instaurare particolari rapporti semantici. La comune origine slava delle lingue russa e ceca spesso facilita il mantenimento di alcuni di questi procedimenti che in altre lingue andrebbero persi, primo fra tutti la fondamentale associazione tra i termini «гора» е «горе». Tuttavia, questo non è sempre vero e in alcuni casi le differenze comunque notevoli tra le due lingue relativamente ad aspetti fonetici, morfologici e sintattici rende impossibile riprodurre nella lingua di arrivo fenomeni significativi presenti nell’originale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura russa
lingua ceca
lingua russa
traduzioni poetiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi