Skip to content

Ruolo del coordinatore nella realizzazione di una rete tecnologica unica delle centrali operative "118" della Regione Emilia Romagna

Informazioni tesi

master di primo livello in management per le funzioni di cordinamento nell'area infermieristica e tecnica
  Autore: Fabio Mora
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2005
Docente/Relatore: Nadia Lami
Istituito da: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

La motivazione che mi ha spinto a trattare questo argomento è maturata ripercorrendo il passato.
Negli anni sessanta si era sviluppata fortemente l’assistenza e la cultura intraospedaliera cioè, il paziente era considerato bisognoso di assistenza sanitaria solo nel momento in cui varcava la soglia del pronto soccorso.
Il livello assistenziale extraospedaliero fornito dalle ambulanze era pressoché nullo, si limitava a trasportare in fretta il malato all’ospedale a volte con solo l’autista.
I cittadini avevano a disposizione diversi numeri telefonici per chiedere soccorso sanitario, questo faceva sì che a volte arrivassero due ambulanze ed altre nemmeno una, senza alcuna garanzia o tutela per il cittadino stesso!
Col passare del tempo e con il mutare del bisogno assistenziale richiesto dall’utente si intuì che qualcosa era da rivedere nel sistema di soccorso.
Sul finire degli anni 80, sull’onda di diversi atti terroristici che videro coinvolti un numero di feriti elevato emerse in modo clamoroso la necessità di una supervisione e un coordinamento di queste associazioni, si iniziò concretamente a pensare alla necessità di una risposta organizzata alle richieste di soccorso sanitario.
Punto di riferimento per anni fu Bologna soccorso, che negli anni ottanta iniziò il percorso che ha portato all’attivazione, per la prima volta in Italia, nel 1990 in occasione dei campionati mondiali di calcio, del numero unico per l’emergenza sanitaria “118” per la città di Bologna.
Gli avvenimenti sopra riportati e la ferma volontà di alcuni operatori del soccorso, portarono, non senza sforzi ed impegno, nel 1992 al D.p.r 118 del 27 marzo, decreto che istituzionalizzò le centrali operative 118 su base provinciale .
Tutto questo, che così declinato sembra breve, in realtà è stato un percorso lungo, non privo di ostacoli e non ancora concluso, ha visto e vede come protagonista la figura dell’infermiere professionale; individuata dal decreto stesso come figura fondamentale nel coordinamento della centrale operativa sanitaria “118”.
L’oggetto di questa tesi vuole essere un punto di partenza verso l’obiettivo di realizzare un sistema che possa garantire livelli di sicurezza e prestazionali di grado elevato.
Il coordinatore infermieristico entra in questo percorso come gestore di tutti quei processi che permetteranno di progredire verso l’obiettivo.
I processi di programmazione, gestione, valutazione ed implementazione sono patrimonio della professionalità e delle competenze del coordinatore infermieristico quindi, quale se non questo professionista potrà avere costantemente il polso della situazione?
E’ mia intenzione in questa tesi, prendere in considerazione un coordinamento di tipo regionale, che sia in grado di avere il costante confronto con tutte le realtà organizzative che entrano, come attori, nel percorso di omogeneizzazione della rete tecnologica.
Il processo si dovrà sviluppare secondo il principio delle learning organizations , ciò avrà come punto fondamentale lo svilupparsi di chiare linee di responsabilità, la costruzione di momenti di confronto sistematici e quindi un forte coordinamento regionale.
Credere di avere una soluzione pronta ad ogni problema sarebbe presuntuoso.
Come detto all’inizio, questa mia tesi vuole essere solo un punto di partenza verso l’obiettivo di garantire livelli prestazionali e di sicurezza elevati.
Qualsiasi progetto che abbia come obiettivo rendere più omogenea l’organizzazione del sistema, dovrà avanzare solo se largamente condiviso dalle persone che sono strettamente coinvolte nei processi, in considerazione della grande peculiarità che ha l’autonomia professionale di cui sono dotati gli operatori.
Una organizzazione che sia in grado di reagire ai cambiamenti, alla complessità e all’incertezza basandosi su una flessibilità culturale che sia supportata anche dalle soluzioni tecnologiche, sarà una sistema in grado di rispondere alle nuove informazioni con una modalità di pianificazione rimodulabile, con la quale le informazioni saranno elaborate e valutate.
Il coordinatore infermieristico, come gestore di processi all’interno dell’organizzazione sanitaria, credo debba avere come obiettivo principale quello di migliorare dal punto di vista qualitativo le prestazioni erogate e che questo debba essere ricercato con impegno costante.
Ritengo quindi che la definizione di ambiti di responsabilità, il confronto sistematico e un forte coordinamento di livello regionale possano svolgere un ruolo determinante per raggiungere l’obiettivo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa La motivazione che mi ha spinto a trattare questo argomento è maturata ripercorrendo il passato. Negli anni sessanta si era sviluppata fortemente l’assistenza e la cultura intraospedaliera cioè, il paziente era considerato bisognoso di assistenza sanitaria solo nel momento in cui varcava la soglia del pronto soccorso. Il livello assistenziale extraospedaliero fornito dalle ambulanze era pressoché nullo, si limitava a trasportare in fretta il malato all’ospedale a volte con solo l’autista. I cittadini avevano a disposizione diversi numeri telefonici per chiedere soccorso sanitario, questo faceva sì che a volte arrivassero due ambulanze ed altre nemmeno una, senza alcuna garanzia o tutela per il cittadino stesso! Col passare del tempo e con il mutare del bisogno assistenziale richiesto dall’utente si intuì che qualcosa era da rivedere nel sistema di soccorso. Negli anni 70 si iniziò a parlare di coordinamento del trasporto infermi. Per circa altri dieci anni il soccorso rimase affidato, nella maggior parte dei casi, alla croce rossa o ad associazioni di volontariato nate spontaneamente. Sul finire degli anni 80, sull’onda di diversi atti terroristici che videro coinvolti un numero di feriti elevato emerse in modo clamoroso la necessità di una supervisione e un coordinamento di 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

118
ambulanza
centrale operativa
coordinamento
elisoccorso
emergenza
learning organizations
management
modello organizzativo
pronto soccorso
soccorso
tecnologie

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi