Skip to content

C'era una volta... Venti ragazzi di strada. Marco Baliani e Pinocchio Nero

Informazioni tesi

  Autore: Christian Vinazzani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Franco Nasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

Obiettivo di questo lavoro è l’analisi di una riscrittura di un classico della letteratura italiana, ovvero Le Avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi. Nel 2002 Marco Baliani ha preso parte ad un progetto finanziato da AMREF Italia con il quale si è occupato del recupero sociale di venti ragazzi di strada di Nairobi. Tramite il progetto Pinocchio Nero il teatro ha ridato la speranza non solo ai ragazzi di strada costretti a vivere nelle discariche cittadine come veri e propri rifiuti della società, bensì anche a tutta la società di Nairobi, diventata conscia del fatto che anche nei ragazzi di strada è possibile la trasformazione in cittadini attivi e responsabili. Marco Baliani,
celebre autore e attore teatrale, ha permesso ad un gruppo di ragazzi emarginati dalla propria comunità di cominciare un viaggio alla ricerca della propria identità, delle proprie origini, dei propri genitori e parenti facendoli rinascere dalla loro condizione marginale di ragazzi spazzatura (chokora). La loro trasformazione è avvenuta grazie alla rilettura e messa in scena di Pinocchio, anch’egli burattino ribelle ed emarginato. L’opera teatrale apprezzata da tutta la critica, che le ha attribuito il premio UBU 2005,
non ha ottenuto un successo di pubblico ugualmente ampio. È una rilettura che, nonostante la presenza di alcuni temi comuni come la povertà e la volontà di fuggire dalla propria condizione, seleziona solo una parte delle sequenze narrative dell’originale e le ricontestualizza in Kenya oggi.
Dopo un lavoro di ricerca bibliografica su Pinocchio e Collodi, si è focalizzata
l’attenzione su alcuni testi che sembravano particolarmente utili per comprendere meglio l’operazione di adattamento svolta da Baliani. Nella tesi, si è fornito dapprima un quadro critico del romanzo collodiano. Si è quindi presa in esame parte della critica relativa alla traduzione: in particolare la tripartizione jakobsoniana e le successive proposte di classificazione (secondo capitolo). Il testo collodiano, che non ha mai smesso di affascinare i lettori, ha subìto numerosissimi processi di riscrittura, interpretazione, illustrazione, traduzione e trasposizione. Questa grande duttilità è dovuta principalmente alla capacità dell’opera di prestarsi al lettore che la può interpretare e ricostruire a piacere. Esemplari sono le riscritture di Giorgio Manganelli,
Luigi Comencini, Roberto Benigni, Saverio Marconi e Marco Baliani. Nel capitolo
terzo si sono prese brevemente in considerazione queste “riscritture”, per offrire uno spaccato delle molteplici “rimesse in vita” del testo. Il capitolo quarto è stato invece dedicato all’analisi strutturale dell’opera di Marco Baliani e ad un confronto sistematico con l’opera di Collodi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
C’era una volta… Venti ragazzi di strada Marco Baliani e Pinocchio Nero Vinazzani Christian – matricola 2454. Tesi di Laurea in Lingue e Culture Europee 4 INTRODUZIONE ome afferma Piero Cudini, leggere un libro e parlare di un libro sono processi più complessi e creativi delle mere attività di leggere un libro e parlare di un libro. Citando Jorge Luis Borges possiamo affermare che “ogni volta che leggiamo un libro, il libro è mutato, la connotazione delle parole è diversa” (Borges 1979, 24). Di conseguenza leggendo un libro non si legge solamente l’insieme di fogli che stringiamo fra le mani, bensì “anche la sua storicità” (Cudini 1998, 2-3). Un testo così complesso come Le Avventure di Pinocchio. Storia di un burattino si offre bene a una serie di riletture e di riscritture autorizzando, quindi, messaggi e contenuti che vanno anche al di là del testo stesso. Perciò, Pinocchio si è caratterizzato nel corso del tempo come testo accresciuto – un testo al quadrato – con la sua storicità successiva, ovvero le interpretazioni prodotte nel corso degli anni. “Perché la riscrittura è sempre un’interpretazione, ovviamente, e ogni interpretazione è sempre e comunque una riscrittura” (Cudini 1998, 14). Il romanzo di Pinocchio, grazie alla mancanza di un piano nella mente dell’autore e alla sua redazione in modo non uniforme, “costituì un’eccellente occasione per un infittirsi e intrecciarsi dei suoi sensi” causato da “un parziale abbandono dei freni, di preoccupazioni di pulizia narrativa e di coerenza” (Garroni 1975, 50). Ciononostante, come sottolinea Baliani, “nel corso del tempo abbiamo preso a leggere il testo di Collodi sempre più come favola, dimenticandoci le condizioni sociali ed economiche da cui partiva la creazione del testo” (Baliani 2005, 151). La causa che spinge molti lettori a considerare Pinocchio una semplice favola credo debba essere ricercata nel forte successo avuto dalla riscrittura di Walt Disney (1940), che, sebbene non sia presa in considerazione all’interno del presente lavoro, esercitò una grande influenza sul pubblico. Non solamente oltreoceano, però, si è assistito a riletture fortemente influenzate dalla personalità del riscrittore. Ne esistono varie anche in Italia: alcune delle quali ammesse in modo esplicito, altre più sottili e nascoste. Parlando del suo Pinocchio, Luigi Comencini afferma C

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amref
chokora
collodi carlo
kenya
marco baliani
nairobi
pinocchio
pinocchio nero
ragazzi di strada
riscrittura
spazzatura
teatro civile
teatro di narrazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi