Skip to content

Enzo Paci e la Fenomenologia relazionistica: la risposta positiva alla krisis

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Mugnaini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Roberto Brigati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

In questo lavoro ho cercato di ripercorrere una parte dell'itinerario intellettuale del filosofo Enzo Paci, ponendo attenzione alla fase del suo pensiero che va dall'elaborazione della declinazione relazionistica della fenomenologia, fino alla fondazione della rivista "aut-aut", cercando di rendere la "positività" della riflessione paciana nell'ambito fenomenologico-esistenzialistico. Ho cercato di evidenziare la peculiare commistione di pensiero e vita presente nella filosofia paciana, grazie al "Diario fenomenologico", e la declinazione in senso pragmatico e politico della fenomenologia paciana. Il primo capitolo è dedicato a "Tempo e relazione", testo nel quale confluiscono le principali riflessioni sul relazionismo fenomenologico ponendo particolare attenzione alla tematica dell'antisostanzialismo. Il secondo capitolo è dedicato al tentativo paciano di avvicinamento tra la filosofia marxista e quella husserliana, in un'ottica esplicitamente pragmatica di trasformazione del mondo, risollevamento dell'intenzionalità e costruzione di una società giusta, in linea con l'analisi husserliana della "Krisis". Il terzo capitolo si propone di rendere la particolarità del "Diario fenomenologico" come opera nella quale si mescolano elementi di vita vissuta e di riflessione filosofica, ed infine di avanzare una possibile interpretazione al problema dell'impegno di Paci durante gli anni del fascismo. Ho inoltre cercato di tracciare le linee di contatto tra Paci ed altri attori della fenomenologia, come Marleau-Ponty e Husserl, e le distanze da altri filosofi novecenteschi, come Wittgenstein e Heidegger.

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Mugnaini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Roberto Brigati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 25 marzo 1958 L’atteggiamento fenomenologico talvolta, ti fa vivere la filosofia, ma non ti dispone a scrivere a “fissare” le tue idee. In questo senso, anche in questo senso è socratico. E. Paci, Diario Fenomenologico, Monza: i Satelliti Bompiani, 1973, p.48. Quello della fenomenologia è stato uno dei movimenti più magmatici del Novecento, nella misura in cui si è differenziato e ha influenzato molteplici esperienze spesso in contrasto tra di loro, la cui portata forse è ancora difficile stabilire con esattezza. Esemplificativo di questa sua multivocità, o perlomeno di questa molteplicità d’interpretazioni possibili è il fatto che numerosi attori della sua storia si siano sentiti in dovere di darne una definizione che rendesse quella “parte” di fenomenologia diversa dalle altre. Durante i felici anni d’insegnamento a Friburgo, prima del distacco intellettuale dal suo allievo prediletto, Edmund Husserl si esprimeva nei seguenti termini «La fenomenologia siamo io e Heidegger e nessun altro» 1 . Ed è proprio a seguito del distacco intellettuale tra i due che è iniziata per così dire la diaspora dall’alveo husserliano, la cui idea di Fenomenologia risiedeva sostanzialmente nella necessità di un ripensamento totale della storia della filosofia pregressa, nel bisogno di un «ritorno alle cose stesse» che permettesse una volta per tutte di rifondare la filosofia come una scienza rigorosa e quindi non più passibile di infondatezza e astrattezza 2 . Naturalmente, per motivi di spazio e di vastità dell’argomento in questione, non ho intenzione di delineare un resoconto completo del “movimento fenomenologico”. E in questo proliferare d’interpretazioni, di posizioni teoretiche contrastanti e di applicazioni di varia natura e genere è mia intenzione recuperare un attore preciso; l’obiettivo di questa tesi è quindi recuperare e ripensare la novità e l’importanza del pensiero e della persona di Enzo Paci. Dico “del pensiero e della persona”, in primo luogo, per enfatizzare l’inestricabile coimplicazione tra “pensiero e vita vissuta” che è proprio uno dei capisaldi della fenomenologia fin dall’ultimo Husserl, che apre la 1 Hans Georg Gadamer, Il movimento fenomenologico, a cura di Corrado Sinigaglia, Bari: Laterza, 1994, p. 29. 2 Enzo Paci, Introduzione a l’Elogio della filosofia, Torino: Paravia, 1958, pp. VI-VII. In questo passo introduttivo al testo di Merleau-Ponty, Paci accenna alla distinzione necessaria, seppur sommaria, tra un primo Husserl che «può essere interpretato come un filosofo delle essenze» e un ultimo Husserl che «deve essere interpretato come un filosofo dell’esistenza intesa come mondo della vita». La prima fase del pensiero husserliano, nella quale egli insisteva costantemente sul bisogno dell’«epochizzazione», sulla necessità metodologia della riduzione fenomenologica, per sospendere il giudizio sul mondo e rivolgersi alle essenze, è quella sulla quale si sono basate le accuse di platonismo ad Husserl; ma Paci sostiene che corsivo mio «sospendere il giudizio e ridurre fenomenologicamente vuol dire, prima di tutto «porre tra parentesi» ogni teoria, ogni discorso astratto, ogni costruzione intellettualistica, ogni sistema: vuol dire rifiutarsi di imporre alla viva esperienza, all’esistenza, «alla cosa stessa» un ordine preordinato e precostituito, un sistema antecedentemente compiuto». Paci sostiene l’inevitabile evoluzione in senso esistenzialista del pensiero husserliano riconsiderando l’interesse dell’Husserl delle Ideen per il tema del tempo e della negazione del mondo, prodromici rispetto ai due temi caratteristici dell’esistenzialismo heideggeriano: il problema del nulla e il problema del tempo. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marxismo
fenomenologia
husserl
scuola di milano
aut-aut
enzo paci
la crisi delle scienze europee
fenomenologia relazionistica
diario fenomenologico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi