Le sponsorizzazioni nel settore della vela: i casi Bix-Dynameeting e Paul&Shark

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Alessandra Calvelli Contatta »

Composta da 229 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4269 click dal 15/06/2005.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Alessandra Calvelli

Mostra/Nascondi contenuto.
24 La presenza in televisione significa un incremento di valore in quanto lo sponsor, ottenendo più visibilità per il maggiore numero di potenziali spettatori/clienti raggiungibili, aumenta anche il valore dello sport sponsorizzato. Infatti si crea la situazione a spirale, già citata prima, per cui a un più grande numero di persone che si interessano di uno sport corrisponde un incremento degli spazi che la televisione gli dedica. Le aziende e le associazioni sportive dovrebbero cercare di aumentare l’interesse per quegli sport detti minori in quanto minore è la presenza in televisione. Le aziende più importanti possono spingere, con i loro uffici marketing, l’immagine di singoli campioni o intere discipline e sono in grado di far pressione sui media per garantire più visibilità agli sport a esse collegati. L’interesse del pubblico verso discipline minori è infatti meno scarso di come potrebbe sembrare. Spesso è concentrato in target difficili da raggiungere ma per questo più appetibili. E’ una sfida che si attende per riuscire a spezzare l’egemonia di quei pochi sport che invadono i programmi televisivi (Zarantonelli, 2002). Fortunatamente alcune aziende, probabilmente anticipando il mercato, hanno deciso di intraprendere azioni più complesse scegliendo più settori di intervento. La Ferrero, ad esempio, ha investito nel ciclismo con Estathe, nella Formula uno con Tic Tac, nello sci con Poket Coffe. Tra le ultime sponsorizzazioni ha scelto la pallavolo femminile con la Kinder per il periodo 2002-2004. E’ stata una scelta coraggiosa in quanto le ragazze del volley non avevano recentemente ottenuto clamorosi risultati. La scommessa è stata però vincente dato che la squadra è diventata campione del mondo. Inoltre, secondo i dati Auditel, ha ottenuto il 20% di share (quota) di telespettatori durante la partita di finale del campionato mondiale. Il punto di forza della televisione è di raggiungere un elevato numero di spettatori/clienti e un target ampio. Questa caratteristica può essere uno svantaggio in quanto è poco verificabile il target realmente raggiunto e allo
Estratto dalla tesi: Le sponsorizzazioni nel settore della vela: i casi Bix-Dynameeting e Paul&Shark