Il coordinamento della supply chain globalizzata

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Riccardo Simeoni Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3179 click dal 05/06/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Riccardo Simeoni

Mostra/Nascondi contenuto.
21 L’ambiente politico L’ambiente politico può variare di molto tra una nazione e l’altra e la sua differenza può influenzare le scelte di ingresso in una nazione, per questo è molto importante definire l’incertezza e il rischio di un certo ambiente politico. Il processo politico da come si fanno le leggi, a come le persone raggiungono il potere, varia da Paese a Paese , e ognuno di questi elementi può creare incertezza per la conduzione degli affari in un determinato Paese. Altre condizioni di incertezza derivano dai cambiamenti nelle regole che riguardano direttamene un’impresa come le tasse sui prodotti esportati ed importati, le condizioni dei lavoratori, le restrizioni sulle produzioni locali. (Henisz, 2000) Per analizzare l’ambiente politico di un Paese ci si può basare sull’indice di rischio politico, che è un risultato soggettivo, oppure sull’indice di azzardo politico che misura dal punto di vista oggettivo i rischi per un’impresa in un certo Paese. Per la misura di rischio politico ci sono alcune agenzie che si occupano di rilevare il livello di rischio in un Paese ponendo un questionario a dei manager internazionali, avendo cosi una percezione soggettiva del livello di rischio percepito dai manager. (Wilkin, Sam, 2000) Una misura oggettiva dell’incertezza in una regione è data dall’azzardo politico. Questa misura si basa sul fatto che sono le persone che guidano un Paese a cambiare l’incertezza dell’ambiente, e quindi misura la facilità con cui le persone che guidano il Paese possano cambiare le regole di quel sistema. Per cambiare le leggi di un Paese è necessario il consenso di alcuni individui e più è ampio il numero di individui necessari per cambiare le leggi, più sarà difficile effettuare il cambiamento. Un Paese con rigide procedure per il cambiamento delle sue leggi fondamentali può considerarsi un Paese con un basso azzardo politico e in cui gli avvenimenti futuri che accadranno in esso sono più facilmente prevedibili. Per definire il grado di azzardo politico si possono procedere in due modi; il primo consiste nel guardare il passato per avere delle previsioni sul futuro anche se questo è imperfetto. Un altro consiste nel guardare alla struttura politica di un Paese, e a come esso può creare nuove leggi. Si devono guardare a due dimensioni, la prima riguarda gli schieramenti politici all’interno delle istituzioni, se esse sono dello stesso schieramento è più facile cambiare il sistema; il secondo riguarda il numero di livelli necessari da superare per creare una nuova legge, meno sono questi livelli, più facile è il cambiamento del sistema. Si devono quindi guardare a come sono costituiti i tre poteri dello Stato: quello esecutivo, legislativo e giudiziario. (Wilkin, Sam, 2000)
Estratto dalla tesi: Il coordinamento della supply chain globalizzata