Skip to content

Il mito di Don Giovanni tra arte e psicanalisi

Estratto della Tesi di Esther Maurini

Mostra/Nascondi contenuto.
10 eccesso, ma si mantengono composti nell’ambito della sublime leggerezza mozartiana. I personaggi dell’opera rappresentano l’incarnazione delle convenzioni sociali che regolano la vita tra le persone, che per questo si oppongono alla trasgressiva sregolatezza incarnata da Don Giovanni: il gruppo contro il singolo dunque, che proprio per il suo eccesso vitale sarà destinato ad una punizione senza scampo (la morte), auspicata da quanti desiderano il ritorno all’ordine costituito. Il protagonista, la cui negazione del soprannaturale aveva raggiunto il suo apice nell’invito a cena rivolto alla statua dell’uomo da lui ucciso, muore inghiottito dalle fiamme dell’inferno che aveva sempre rinnegato, in barba agli avvertimenti del fedele servitore e alle minacce degli offesi. La razionalità e l’empirismo si scontrano con una prorompente istintualità animalesca che egli non riesce o non vuole controllare. L’opera si compone di due atti, ed ha inizio con la famosa Ouverture in cui Leporello, servo di Don Giovanni, fa da sentinella davanti alla dimora del Commendatore lamentandosi della sua condizione e raccontando l’ultima impresa amorosa del padrone, che si trova all’interno del palazzo intento a sedurre Donna Anna (“Notte e giorno faticar”). Successivamente si vede Donna Anna, riuscita a scampare all’assalto amoroso di Don Giovanni, che tenta di inseguirlo per scoprire la sua reale identità (“Non sperar, se non m’uccidi”). Al sentire le urla della figlia accorre in soccorso il Commendatore che viene ucciso in duello da Don Giovanni (“Lasciala indegno (…) Ah, soccorso”). Leporello e Don Giovanni riescono a fuggire ed in scena compaiono Donna Anna con Don Ottavio; Don Ottavio cerca inutilmente di consolarla mentre lei gli fa giurare vendetta (“Fuggi, crudele”). Don Giovanni ha già un altro obiettivo, ma mentre espone a Leporello il suo nuovo piano di conquista una Donna entra in scena, ed egli comincia a corteggiarla finché non si accorge che si tratta di Donna Elvira di Burgos, da lui già sedotta e Abbandonata, che stava cercando proprio lui (“Ah! Chi mi dice mai”). A quel punto Don Giovanni con non poche difficoltà riesce a fuggire e la lascia in compagnia di Leporello, che provvede ad illustrarle il catalogo delle conquiste del padrone, in un intento consolatorio (“Madamina”). In quel momento si stanno svolgendo le nozze di due contadini, Zerlina e Masetto (“Giovinette, che fate all’amore”), e Don Giovanni, invaghitosi della promessa sposa, decide di fare di tutto per sedurla, mettendo a tacere Masetto (“Ho capito, signor sì”). Segue il famoso duetto “Là ci darem la mano”, interrotto dall’arrivo di Donna Elvira, che mette in guardia Zerlina portandola via (“Ah! Fuggi il traditor”). Nel frattempo giungono Donna Anna e Don Ottavio, ai quali Donna Elvira denuncia il tradimento di Don Giovanni (“Non ti fidar, o misera”). Ben presto Donna Anna scopre che è Don Giovanni l’aggressore che ha ucciso suo padre ed invoca la vendetta di Don Ottavio (“Don Ottavio, son morta! (…) Or sai chi l’onore”). Don Ottavio risponde esprimendo il suo amore per Donna Anna (“Dalla sua pace”). Intanto Don Giovanni è in attesa del banchetto nuziale (“Finch’han del vino”) e Zerlina cerca di farsi perdonare
Estratto dalla tesi: Il mito di Don Giovanni tra arte e psicanalisi

Estratto dalla tesi:

Il mito di Don Giovanni tra arte e psicanalisi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Esther Maurini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale
  Relatore: Giovanni Guanti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amadeus
arie
commendatore
da ponte
dissoluto
don giovanni
dongiovanni
donna anna
donna elvira
handke
kierkegaard
la ci darem
leporello
libertino
librettista
libretto
madamina
moliere
mozart
opera
punito
statua
tirso de molina
wolfgang

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi