Skip to content

Logica di funzionamento e analisi dei processi dell’incubatore dell’Università della Calabria: "Il caso TechNest"

Estratto della Tesi di Camillo Straface

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1: Università, innovazione e creazione d’impresa 11 mediante cui si manifesta il ruolo imprenditoriale dell’università, peraltro, presenta finalità convergenti con i policy maker nazionali e locali. Sono tante ormai le evidenze del contributo che la ricerca accademica combinata a efficaci processi di technology transfer è in grado di dare allo sviluppo regionale 13 . Meccanismi quali gli accordi di licenza tra università e imprese e le start-up accademiche (spin-off di ricerca o commerciali) sono notori driver di sviluppo locale. Ruoli e attori del processo. Quello che ancora non è stato pienamente compreso, né risulta condiviso, è l’insieme di attori e ruoli che intervengono nel processo, assicurandone il successo o quantomeno ritorni congrui. Allo stato attuale le soluzioni organizzative adottate dagli atenei sono abbastanza eterogenee, sia in termini di assetto strutturale che di dinamica organizzativa. Lo svolgimento del cosiddetto “terzo ruolo” è di volta in volta affidato a uno o più unità organizzative ovvero ad attori esterni all’università quali: uffici di supporto alla brevettazione (“uffici brevetti”); uffici di trasferimento tecnologico (spesso denominati “industrial liaison offices” – ILO); incubatori d’ateneo, uffici per gli spin-off, fondazioni che svolgono funzioni di holding di partecipazioni e coordinamento, Business Innovation Center, Parchi Tecnologici, uffici per lo sfruttamento commerciale dei brevetti (concessione di licenze e promozione di nuove iniziative imprenditoriali) e così via. Promotori di queste attività sono i soggetti già coinvolti nelle attività di ricerca universitarie e che spesso vedono anche la partecipazione patrimoniale degli atenei (Accademic Entrepreneurial Center). A questi soggetti - potenzialmente in grado di svolgere ruoli “ibridi”, con mentalità e capacità commerciali di cui spesso chi opera nelle università non è dotato - è affidato il trasferimento della conoscenza tecnologica. Negli ultimi anni diverse Università italiane hanno comunque costituito e potenziato gli uffici di trasferimento tecnologico (Liaison Office o comunque denominati) costituendo delle strutture di interfaccia ovvero partecipando consorzi e imprese esterne. Tali strutture di interfaccia, inoltre, gestiscono il processo comunicativo tra le parti e coadiuvano le imprese nell’operazione di contestualizzazione delle tecnologie acquisite. piuttosto che seed fund. Le istituzioni universitarie Europee dal 2004 al 2006 hanno fatto registrare un aumento dei contratti di licenza del 14,6% così come significativi aumenti nella creazione di imprese start-up. Il coinvolgimento delle università italiane nelle attività di TT si verifica con intensità crescente solo a partire dalla fine degli anni Novanta: il primo UTT risale al 1997. Tuttavia, il fenomeno ha iniziato a diffondersi con intensità crescente a partire dall’anno 2000. 13 Piccaluga, Patrono, 2001
Estratto dalla tesi: Logica di funzionamento e analisi dei processi dell’incubatore dell’Università della Calabria: "Il caso TechNest"

Estratto dalla tesi:

Logica di funzionamento e analisi dei processi dell’incubatore dell’Università della Calabria: "Il caso TechNest"

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Camillo Straface
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Luigini Filice
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

start up
monitoraggio
analisi dei processi
incubatore
idef 0

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi