Skip to content

La Manifattura Paracchi a Torino: progetto di rifunzionalizzazione. Sostenibilità, riqualificazione nergetica e fattibilità economica.

Estratto della Tesi di Fabio Romerio

Mostra/Nascondi contenuto.
12 _Inquadramento Territoriale_ 1.1_Il Piano Regolatore Un primissimo stabilimento fu edificato tra il 1889 e il 1894 sulla riva destra della Dora, oggi via Fossano. -Il primo nucleo consistente della Paracchi su via Pianezza è evidenziato dalla mappa del “Piano Regolatore e Ampliamento” del 1906. Venne edificata al di fuori della cinta Daziaria molto probabilmente perché i costi dei terreni erano nettamente inferiori. -Con i piani regolatori del 1906, 1911 e 1920 il borgo si sviluppa disordinatamente con un’edilizia mista tra residenziale e industriale. Con l’approvazione del Piano Regolatore del 1959 la borgata viene classificata “zona industriale nociva” con conseguente blocco dell’edificato e degrado progressivo dell’area. -Con il piano regolatore del 1995 viene data una nuova destinazione d’uso inserendola nelle ZUT (zone urbane di trasformazione). L’intento è quello di integrare attività terziarie, culturali con complessi residenziali. La proposta consiste nella realizzazione delle quattro “Spine” lungo le quali vengono localizzate infrastrutture e servizi che fungono da collegamento con la città storica. La valorizzazione del fiume Dora ed il riusso di vecchi edifici dismessi sono stati gli obiettivi che il nuovo piano si prefiggeva. Oggi sono stati realizzati molti progetti, tra cui anche quello della stessa Società Paracchi per quanto riguarda gli stabilimenti di Via Pianezza 17 e di Via Fossano. Estratto da «Schede normative delle Zone urbane di trasformazione (art.15)» Indice Territoriale massimo (mq SLP/m² ST): 0,7 SLP per destinazioni d’uso: A. Residenza min28%. B. Attività di servizio alle persone e alle imprese. C. Attività terziarie max 9%. G. Attività commercio - Grande distribuzione (art.3 punto 4A) H. Eurotorino: - Attività espositive e congressuali, università(art.3, punto 6, punto 7u) min 15% - Centri di ricerca, Attività produttive, Attività ricettive, Attività terziarie (art.3 punto 8, punto 3A1, A2, B, punto 2A1, punto 5A-B) max 40% Totale aree a servizi (min): 889.000 m². Prescrizioni Piani esecutivi di iniziativa pubblica o privata. In aggiunta alla SLP generata dall’ambito devono essere qui trasferite le quote di SLP pari al 50% ed al 35% della SLP residenziale e terziaria generata dalle aree comunali rispettivamente negli ambiti 12.9 SPINA 1 e 8.18 SPINA 2, senza superare l’indice territoriale di 1 mq SLP/m² ST. Le indicazioni minime e massime delle singole destinazioni d’uso si riferiscono alle possibili oscillazioni all’interno dell’ambito con riferimento alla propria edificabilità (I.T. = 0,7 m²/m²), senza quindi tenere conto dei trasferimenti di SLP comunale dagli ambiti 12.9 SPINA 1 e 8.18 SPINA 2. Le Attività previste al punto G (Attività commercio - Grande distribuzione) nella misura del 3% sono da intendersi nel modo seguente: - il 2% e’ destinato alla grande distribuzione (superficie lorda complessiva, comprendente anche gli spazi complementari: magazzini, uffici, gallerie pedonali, ecc.);
Estratto dalla tesi: La Manifattura Paracchi a Torino: progetto di rifunzionalizzazione. Sostenibilità, riqualificazione nergetica e fattibilità economica.

Estratto dalla tesi:

La Manifattura Paracchi a Torino: progetto di rifunzionalizzazione. Sostenibilità, riqualificazione nergetica e fattibilità economica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Romerio
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura per il progetto sostenibile
  Relatore: Carla Bartolozzi
Coautore: Andrea Zagoner
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 194

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

torino
restauro
sostenibilità
rilievo
rifunzionalizzazione
riqualificazione energetica
classe energetica
fattibilità economica
edifici in calcestruzzo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi