Skip to content

Street art: tra arte pubblica e riqualificazione urbana

Estratto della Tesi di Egidio Emiliano Bianco

Mostra/Nascondi contenuto.
13 “pericolose” andassero isolate e controllate, per prevenire rivolte, unita alla presenza di nuovi capitali, portò alla nascita di larghe propensioni alla speculazione edilizia, in cui all’arricchimento di società immobiliari e investitori corrispondeva lo spostamento e il ricollocamento di grandi masse di persone, in progetti abitativi dimostratisi il più delle volte invivibili ( Lewisohn, 2008). In particolare, la nostra vicenda si colloca nelle grandi metropoli dell’East Coast, Philadelphia e soprattutto New York, dove le comunità del derelitto Bronx e di alcune aree di Brooklyn iniziarono a sprigionare tutta la propria energia e voglia di esistere, narcotizzata dall’esclusione sociale, nell’ambito di alcune attività creative che diventarono “sia il veicolo della protesta o dell’auto-riconoscimento, sia un potente mezzo di comunicazione e diffusione di uno stile” 6 . Nasce nei primi anni Settanta la Cultura hip-hop 7 , che con la musica (MC’ing 8 o rap), la danza (break-dance), la moda dei vestiti e il gergo parlato comprende anche il writing. In realtà, visto che stiamo parlando di movimenti che nacquero come vicende con caratteristiche spontanee e underground , quindi tramandate attraverso la pratica e non aventi manifesti o altre memorie scritte, è problematico poter avere un quadro temporale e spaziale ben preciso, soprattutto per ciò che concerne il writing, le cui forme alle origini posso confondersi con altre pratiche di graffiti. Certamente l’usanza di ricoprire i muri con le proprie tag 9 e con slogan trovò larga propagazione tra le moltitudini di ragazzi che, uniti dalla condivisione dei nuovi gusti musicali e di stile, iniziano ad unirsi nelle cosiddette crew 10 locali, e a colpi di rap, danza e pratica del writing iniziarono a sfidarsi tra loro in battaglie di stile sempre più evoluto. In questo senso il writing non può che essere 6 A. Dal Lago, S. Giordano, Fuori Cornice. L’arte oltre l’arte, Einaudi, Torino, 2008, p.132. 7 La nascita dell’hip hop viene fatta risalire dall’organizzazione Universal Zulu Nation alll’11 novembre 1973, quando due figure come Dj Kool Herc e Dj Afrika Bambaataa iniziarono a sfidarsi su nuovi suoni ad un party nel Bronx di New York. Per una panoramica sull’origine e la storia del fenomeno cfr. B. Hugues, La cultura Hip Hop, Besa, Nardò, 2007; N. De Rienzo, Hip Hop. Parole di una cultura di strada, Dalai, Milano, 2008. 8 L’MC’ing consiste nella pratica svolta dall’MC, ovvero il Master of Cerimonies, colui che intrattiene il pubblico attraverso una sorta di canto parlato, rimato e improvvisato e con un senso ben preciso (rap). 9 La tag è la forma più semplice e più diffusa del graffiti-writing. È costituita da una firma stilizzata del nome del suo autore o, più frequentemente, un’abbreviazione o uno pseudonimo. 10 La crew o cru (letteralmente in Italiano ciurma o squadra) è un gruppo di writer che si riunisce nella pratica quasi esclusiva del graffiti-writing (in ciò è diversa dalla gang). Le prime crew nascono anche dall’esigenza di compiere le azioni illegali più difficoltose, come dipingere i treni della metropolitana, nella maggior sicurezza data dal numero.
Estratto dalla tesi: Street art: tra arte pubblica e riqualificazione urbana

Estratto dalla tesi:

Street art: tra arte pubblica e riqualificazione urbana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Egidio Emiliano Bianco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Gestione dei Beni Culturali e dello Spettacolo
  Relatore: Francesco Tedeschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 208

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riqualificazione urbana
writing
street art
arte urbana
arte pubblica
rigenerazione con l'arte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi