Skip to content

The Responsibility to Protect: Focus on the Responsibility to Prevent and the role of Regional and Civil Society Organizations

Estratto della Tesi di Marthe Dovienne Lafortune Sotong

Mostra/Nascondi contenuto.
11 ethnic cleansing. The UN World Summit affirmed also that the International Community has the duty to encourage and assist states to this task and only if they are evidently either unwilling or unable to fulfill this duty, the international community have therefore the remaining responsibility to do all the necessary to protect the populations (A ⁄ 60 ⁄ L.1, September 20, 2005, para.139). The responsibility to protect, in response to the dilemma of humanitarian intervention which focuses mainly on interventions, is a norm which goes beyond military intervention, mainly because it encompasses three obligations, the responsibility to rebuild, the responsibility to react and the most important, the responsibility to prevent (ICISS, supranote.16, ch.3- 5). This last element constitutes the core of the R2P norm, which gives it more legitimacy, than humanitarian intervention. It is however important to underline the crimes included in the doctrine of the responsibility to protect. What exactly are the four crimes of concerned by the Responsibility to Protect? The responsibility to protect focuses only on four main crimes, which are Genocide, war crimes, crimes against humanity and ethnic cleansing. The Rome Statute of the International Criminal Court (ICC) has given some definitions to these crimes, which have also been defined in international humanitarian law. It is important to underline these crimes because, the sooner a crime is identified and halted, the lesser the consequences for the populations would be. In country where there is continuous violation of human rights, many social differences and inequalities, there are predispositions for these four crimes to be perpetrated. Genocide is defined as acts committed with intent to destroy, in whole or in part, a national, ethnical, racial or religious group, such as “Killing members of the group; Causing serious bodily or mental harm to members of the group; Deliberately inflicting on the group conditions of life calculated to bring about its physical destruction in whole or in part; Imposing measures intended to prevent births within the group; Forcibly transferring children of the group to another group” (Bellamy & McLoughlin, 2009. p.12) and other similar crimes have the status of Genocide. Francis Deng, Special Adviser of the UN on the Prevention of Genocide in April 2008, stated that “Genocide is one of the most heinous of crimes against which all of humanity must unite to prevent its recurrence and punish those responsible” (OSAPG, 2010, p.1)
Estratto dalla tesi: The Responsibility to Protect: Focus on the Responsibility to Prevent and the role of Regional and Civil Society Organizations

Estratto dalla tesi:

The Responsibility to Protect: Focus on the Responsibility to Prevent and the role of Regional and Civil Society Organizations

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marthe Dovienne Lafortune Sotong
  Tipo: Tesi di Master
Master in Politics and International Relations
Anno: 2
Docente/Relatore: Peter Sutch
Istituito da: Cardiff University
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

united nations
responsibility to protect
responsibility to prevent
mass atrocities
subregional and civil society organisations
international crimes
united nations security council
international community
genocide, crimes against humanity, war crimes,

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi