Skip to content

Corporate Museums: Heritage as a Brand Value

Estratto della Tesi di Natasja Nikolic

Mostra/Nascondi contenuto.
Estratto dalla tesi: Corporate Museums: Heritage as a Brand Value
11 
 
strengthening the instruments of international law that pursue the objective of safeguarding the 
elements and expressions of intangible cultural heritage, promoting awareness of their value, 
ensuring that this value is mutually appreciated and encouraging the related cooperation and support 
activities on an international scale (Article 1).
18
 
As we have seen, the cultural institution that best embodies the concept of culture in our 
imagination, the one that we have learned to be solidly eternal in our cities, the cornerstone of 
school education and a fundamental tourist stop, basically shows itself along the centuries as a 
perfect snapshot of the society it represents: volatile and difficult to retain into monochrome and 
rigid definitions. 
A striking example of this process is the concept of museology, a discipline that had long been 
confused with museography and timidly brought to the fore in the last forty years, as a response to 
the new relationship that has been established between the museum and the society. At a time when 
the museum opens to the public, the museographical approach is not enough anymore, but despite 
this, the museology have to struggle to attain its own independent identity.
19
 It suffice to say that a 
first definition, which defines the museology as "the science of museums", arrived just in the 
seventies and was never universally shared.
20
 Even today there is a double line which, from the 
Anglo-Saxon side sees the museology as a practice for the good organization and management of 
the museum, while other countries, such as Italy, highlight the essentially theoretical and 
philosophical contribution to the interpretation of the museum.
 21
 In the end, museology is "the land 
of the museum itself, a phenomenon with a thousand faces, which is always tempted to give very 
general definitions or not to give any at all."
 22
 
 
1.3 Functions 
In the final definition of ICOM, there are also briefly set out the purposes of a museum: the 
objectives are identified, in order, as the acquisition, preservation, research, communication and 
exposure. 
The acquisition: During the Cumberlan Lodge Conference of 2004, which was attended by some 
of the most distinguished authorities of the museum landscape of the United Kingdom, the 
participants questioned the ability of museums nowadays to acquire new items to expand their 
collections. Julian Spalding was of the opinion that museums in general have lost their primary 
vocation for collecting, focusing instead on the attraction and education of a new and wider 
audience. Among the numerous examples of museums that have put before their communication 
functions, Spalding cites the National Gallery in London, which has voluntarily outlined the year 
1900 as conclusive of its collection. At this point, is natural to ask, what is the "story" told by the 
museum? For what reason the collection is preserved, what should the public see? It is not possible 
                                                           
18
 Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale, www.unesco.beniculturali.it/getFile.php?id=48 (Accessed 
on 3 August 2013) 
19
 Lugli A. (1992). Museologia, Milano: Jaca Book, pg. 23-37  
20
 In the seventies, UNESCO established a working group to improve the training of museum personnel. The working group was 
coordinated by Georges Henri Rivière, one of the founders of ICOM and protagonist of the debates on museums and museology. 
21
 Marani P. C., & Pavoni R. (2006). Musei. Trasformazioni di un’istituzione dall’età moderna al contemporaneo. Venezia: Marsilio, 
pg.14 
22
 Lugli A. (1992). Museologia, Milano: Jaca Book, pg. 26

Estratto dalla tesi:

Corporate Museums: Heritage as a Brand Value

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Natasja Nikolic
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Laura Carlini
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 102

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

musei aziendali
communication
museologia
luxury brands
culture
brand marketing
musei d'impresa
brand heritage
arts
corporate museum

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi