Skip to content

Competere e controllare nelle grandi democrazie europee. Analisi comparata sulla qualità della democrazia in Gran Bretagna, Francia, Spagna, Germania ed Italia.

Estratto della Tesi di Giuseppe Critelli

Mostra/Nascondi contenuto.
20 “quanta più gente è possibile 23 ”. Ciò accade soprattutto in determinate società divise da innumerevoli fratture sociali, nelle quali la classe politica deve essere per forza di cose incline all’accordo e al compromesso, onde evitare la messa in discussione dell’intero impianto democratico. In una prima versione della sua tipologia Lijphart assegnava un ruolo preminente proprio alla cultura politica delle elite, i cui comportamenti competitivi o avversariali determinavano la classificazione dei regimi democratici in senso maggioritario o consensuale 24 . Per stabilire se uno stato sia collocabile nell’uno o nell’altro tipo di democrazia Lijphart individua dieci variabili: cinque relative alla dimensione esecutivo - partiti e cinque in riferimento all’assetto federale - unitario dello stato. La concentrazione o la dispersione del potere riguarda, infatti, sia il sistema di governo che la forma di stato. Il prototipo di democrazia maggioritaria è per Lijphart il Regno Unito definito anche come modello Westminster. Quest’ultimo è caratterizzato da esecutivi monocolore e predominanti rispetto al parlamento, sistema bipartitico, sistema elettorale maggioritario ma anche un governo accentrato e una banca centrale fortemente dipendente dall’esecutivo. È evidente, dunque, come nel caso della Gran Bretagna il potere sia concentrato nelle mani della maggioranza e in particolare nell’esecutivo. La democrazia consensuale, invece, ha come punti di riferimento empirici la Svizzera, il Belgio e l’Unione Europea. I casi analizzati da Lijphart si distinguono dal modello inglese in quanto presentano governi di coalizione e sono sottoposti ad un forte potere di veto del parlamento 25 , oltre ad avere 23 Lijphart A., Le democrazie contemporanee, Il Mulino, Bologna, 2001. 24 Caramani D., 2013. 25 Il modello polare di Lijphart va integrato con l’analisi di Tsebelis sul ruolo dei cosiddetti veto players istituzionali e partitici. Nelle democrazie maggioritarie il processo decisionale è molto più semplice proprio grazie al numero limitato di veto players, sia istituzionali che di natura partitica. Al contrario nelle democrazie consensuali è forte il potere di veto da parte di istituzioni quali il Parlamento o di quei partiti che hanno potere di coalizione. Per una lettura più approfondita consultare Tsebelis G. (trad. it.), Poteri di veto. Come funzionano le istituzioni politiche, Il Mulino, Bologna, 2004.
Estratto dalla tesi: Competere e controllare nelle grandi democrazie europee. Analisi comparata sulla qualità della democrazia in Gran Bretagna, Francia, Spagna, Germania ed Italia.

Estratto dalla tesi:

Competere e controllare nelle grandi democrazie europee. Analisi comparata sulla qualità della democrazia in Gran Bretagna, Francia, Spagna, Germania ed Italia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Critelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università della Calabria
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Francesco Raniolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 231

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italia
democrazia
sistemi elettorali
comparazione
bipolarismo
sistemi di partito
competizione politica
accountability elettorale
alternanza
qualità della democrazia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi