Skip to content

Il ruolo delle Pro Loco nella Promozione Turistica del Patrimonio Culturale Immateriale. Un Focus nel Veneziano.

Estratto della Tesi di Debora Vangelista

Mostra/Nascondi contenuto.
9 costantemente decide di allargare ritenendo alcuni nuovi elementi degni di interesse culturale ed espressione di civiltà per la comunità nazionale. Un peso rilevante per la legislazione italiana l’ha avuto l’UNESCO con le sue numerose delibere in materia di Patrimonio Culturale, che hanno implicato la predisposizione, anche a livello nazionale italiano, di un piano di ampliamento del ventaglio di beni da aggiungere a quelli meritevoli di tutela. Proprio in seguito a questi avvenimenti si è concordato che tutto quanto è attribuibile alla sapiente opera dell’uomo, deve essere preso in considerazione come elemento ed espressione di cultura e quindi annoverato tra quanto degno di nota e tutela. L’esempio italiano è solo uno fra i tanti che potrei portare nel sottolineare quanto sia stato rapido il passaggio tra la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale e il riconoscimento che lo stesso non era solo ed esclusivamente formato da beni tangibili, ma era arricchito e completato da molti altri aspetti non tangibili. Il filo sottile che segna la divisione tra i due aspetti dell’Heritage viene molte volte ignorato, considerando il materiale e l’immateriale come un unicum culturale da salvaguardare e promuovere. Merito di tale considerazione ed attenzione è, probabilmente, da attribuire ai continui apprezzamenti dei grandi viaggiatori che nei secoli hanno raggiunto, scoperto e valorizzato le bellezze e le ricchezze che il paese ha da offrire. Le attestazioni positive nei confronti dell’Italia risalgono ai periodi del Grand Tour, ai viaggi intrapresi da illustri poeti, letterati e artisti che hanno lasciato come testimonianza diari, poesie, racconti e dipinti attestanti la vastità culturale del Bel Paese; tali visitatori d’élite apprezzavano, già nel lontano 1800, non solo la ricchezza artistica, paesaggistica, monumentale ed architettonica del nostro Paese, ma lasciarono numerosi scritti riguardanti le manifestazioni folkloristiche e le tradizioni antropologiche. A tale proposito, mi torna alla mente una conosciuta sindrome, nota al mondo moderno come “Sindrome di Stendhal” 5 , che risale proprio agli anni del Grand Tour e alla visita dell’illustre scrittore nella città di Firenze; egli estasiato ed innamorato delle bellezze che gli si presentavano agli occhi, fece propria la consapevolezza che il Paese, conscio di quanto di straordinario poteva tangibilmente offrire, non percepiva e non apprezzava gli aspetti immateriali che appartenevano alla sua cultura. Stendhal nei suoi scritti comunicava il senso di disagio che personalmente aveva provato nel trovarsi di fronte a tali bellezze; tuttavia la sua voleva essere una nota, anche critica, al paese che avrebbe dovuto prestare molta attenzione a tutti gli aspetti della cultura che gli appartenevano, 5 La sindrome di Stendhal, detta anche sindrome di Firenze è il nome di una affezione psicosomatica che provoca tachicardia, capogiro, vertigini, confusione e allucinazioni in soggetti messi al cospetto di opere d'arte di straordinaria bellezza. Il nome di questa sindrome è attribuito allo scrittore francese Stendhal.
Estratto dalla tesi: Il ruolo delle Pro Loco nella Promozione Turistica del Patrimonio Culturale Immateriale. Un Focus nel Veneziano.

Estratto dalla tesi:

Il ruolo delle Pro Loco nella Promozione Turistica del Patrimonio Culturale Immateriale. Un Focus nel Veneziano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Debora Vangelista
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Turismo
  Relatore: Federica Letizia  Cavallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pro loco
patrimonio culturale immateriale
intangible heritage
promozione turistica del territorio
turismo immateriale venezia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi