Skip to content

L'India e il diritto dell’acqua attraverso il conflitto di Plachimada

Estratto della Tesi di Cristina Catalano

Mostra/Nascondi contenuto.
delle bevande analcoliche che si aggira intorno al 50% 7 . In tutto il mondo le bevande gassate rappresentano il mercato principale dell’azienda, tuttavia seguendo il gusto e i nuovi usi dei consumatori essa si sta sempre più espandendo in quello dei succhi di frutta, tè, bevande energetiche e fruttate e, in particolare, nel lucroso business delle acque confezionate. Infatti, nel mercato mondiale circa 1/3 delle bevande vendute sono analcolici e di questo il 30% è costituito proprio dall’acqua in bottiglia 8 , che dal 1970 al 2000 ha conosciuto un aumento del volume delle vendite superiore al 7000%. Capacità di interpretare i gusti dei propri clienti e scintillanti campagne pubblicitarie sono due degli ingredienti dello straordinario successo dell’azienda, il quale è sostenuto e reso possibile dall’ articolato sistema di produzione e distribuzione della compagnia, il ‘Coca- Cola system’, che si compone di una rete di oltre 250 aziende imbottigliatrici controllate e non 9 , sparse nei cinque continenti. Legate alla The Coca-Cola Company da accordi di franchising con cui l’azienda si assicura che i prodotti vengano realizzati e distribuiti nel modo dovuto, le distributrici sono obbligate a comprare da specifici fornitori i concentrati di sciroppo, autorizzate a preparare le bevande e a imballarle secondo gli standard, per infine venderle nei territori a loro assegnati. Food Packagers Glob ha stimato già nel 2010 un consumo mondiale di bevande analcoliche di oltre 550 miliardi di litri, per un consumo pro capite globale di circa 80 litri 10 . Le cifre sono destinate ad aumentare significativamente, giacché il settore sta conoscendo una continua espansione, nonostante nell’ultimo decennio recessione economica e mutamento delle attitudini e stili di vita dei consumatori statunitensi ed europei (sempre più sensibili ai problemi di salute derivanti da stili di vita sedentari e alimentazione scorretta) abbiano fatto calare il consumo di soft drink in questi paesi 11 . La crescita globale è quindi guidata dalle nazioni emergenti che, grazie ai bassi livelli di 7 Seguita da PepsiCo (20%) e Cadburi Shweppes (7%) secondo Heritage &York Financial Group, http://www.heritageandyork.com/industries-intel/beverages/soft-drinks/. 8 Le restanti quote sono così composte: 1/3 bevande calde ed 1/3 che si divide tra latte ed alcolici, consumati in quantità quasi equivalenti (dati riportati in “Bevande, le cifre del mercato”, in: Foodpackages Glob, settembre 2011, http://www.foodpackages.net/index.php?ID=1497, (data di consultazione: luglio 2013). 9 Come riportato dal sito ufficiale Coca-Cola Company alla pagina http://www.coca-colacompany.com/our- company/the-coca-cola-system. 10 “Bevande, le cifre del mercato”, ibidem. 11 Il tasso di crescita negli Stati Uniti è passato dal 5-7% negli anni Ottanta al 0,2% nel 2000, mentre il Report The Coca-Cola Company relativo al primo quadrimestre del 2013 segna un -1% (http://www.coca- colacompany.com/press-center/press-releases/the-coca-cola-company-reports-first-quarter-2013-results). 13
Estratto dalla tesi: L'India e il diritto dell’acqua attraverso il conflitto di Plachimada

Estratto dalla tesi:

L'India e il diritto dell’acqua attraverso il conflitto di Plachimada

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Catalano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale
  Corso: Lingue e istituzioni economiche e giuridiche dell’Asia e dell’Africa Mediterranea
  Relatore: Stefano Beggiora
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi