Skip to content

Impatto economico nel lungo periodo delle manifestazioni sportive organizzate dal Brasile

Estratto della Tesi di Andrea Nasti

Mostra/Nascondi contenuto.
10 miliardi e non sono ancora terminati i lavori. Il governo divulgò il valore totale di 25,58 milioni per tutte le costruzioni e per i miglioramenti necessari, come aeroporti, porti, telecomunicazioni e turismo. Chi ha deciso, chi controlla queste spese? Con quali criteri sono state aggiudicate le costruzioni di opere miliardarie in cui corruzione e super fatturazione hanno la meglio? Si sono costruiti stadi non necessari con prezzi folli. Sembra che la FIFA avesse detto che erano sufficienti 6 stadi. Questi Mondiali saranno i più cari rispetto quelli realizzati in altre nazioni. La Germania ha speso per 12 stadi 3,6 miliardi. Brasile tre volte di più!!! Diversi stadi saranno “elefanti bianchi”, costruiti in città in cui non esiste neppure una squadra professionista o dove già ne esistevano. 3.Mondiali:i poveri non potranno partecipare La gente non sarà beneficiata, le migliorie sono per i ricchi. Si fanno grandi opere edilizie: superstrade, ponti, per favorire l’accesso agli stadi, ristrutturazioni di aree, porti, centri storici, alberghi, aeroporti per rendere tutto più bello e attraente per il turismo. !!! La nostra gente non potrà neppure partecipare ai giochi. I prezzi dei biglietti sono assurdi, e già tutti venduti e i posti popolari sono pochissimi. Speculatori comprano tutto per rivendere a prezzi sbalorditivi. Un ingresso che costa 800 reali viene rivenduto a 9 mila reali e più! Lo stipendio base è di 724 reali. Per le regole imposte dalla FIFA, gli ambulanti non potranno vendere i loro prodotti attorno agli stadi; saranno commercializzati solo prodotti delle grandi marche. Per comprare i biglietti si deve accedere a internet! In Brasile ci sono ancora milioni di analfabeti. Lo stipendio base è di 720 reali. Rio : costa 270 miliardi per essere sempre più bella. Rio de Janeiro è diventata un grande cantiere. Si parla di spese per 270 miliardi! Niente di questo beneficerà la gente della grande periferia di Rio. Noi della Baixada Fluminence abbiamo sempre le stesse strade, piene di buche e insufficienti per il traffico di oggi e per arrivare a Rio (40 km) impieghiamo anche 3 ore!! Per comprare i biglietti si deve accedere a internet! In Brasile ci sono ancora milioni di analfabeti. Lo stipendio base è di 720 reali. 4.Poveri rimossi per lasciare posto agli stadi Altro dato triste: i poveri sono rimossi da aree occupate dagli stadi. Sono già 170 mila gli sfrattati. I poveri devono lasciare il posto ai Mondiali! Un altro grande affare di questo campionato è la valorizzazione immobiliare. I prezzi salgono alle stelle. I poveri devono allontanarsi dalle aree vicine agli stadi, perché la regione sia valorizzata. Chi affittava una casetta adesso vede il proprio affitto salire alle stelle e deve cercare un posto meno caro, sempre più in periferia. Sono i poveri la maggior parte della mano d’opera usata e sfruttata in queste opere faraoniche che potranno contemplare solo da lontano. La coppa per chi? Altro fatto ignobile: rimozione forzata di masse umane che sporcano la città meravigliosa di Rio e altre città. Sono vere azioni di pulizia razziale, come la raccolta forzata di mendicanti, di cracudos, la demolizione delle cracolandie,
Estratto dalla tesi: Impatto economico nel lungo periodo delle manifestazioni sportive organizzate dal Brasile

Estratto dalla tesi:

Impatto economico nel lungo periodo delle manifestazioni sportive organizzate dal Brasile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Nasti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Istituto Universitario Navale di Napoli
  Facoltà: Economia
  Corso: economia e commercio - percorso professionale
  Relatore: Damiano Fiorillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi