Skip to content

Il dibattito sulla convergenza e le riforme Hartz. Quali prospettive per la Soziale Marktwirtschaft?

Estratto della Tesi di Felice Di Leo

Mostra/Nascondi contenuto.
___________________________________________________1. Introduzione - 9 A differenza della Regulation Theory, l a VOC individua soltanto due modelli di capitalismo. Si tratta delle economia di mercato liberali (Liberal market economies, LME’s) e delle economie di mercato coordinate (Coordinated market economies, CME’s). Come liberal market economies sono classificati i sistemi economici degli Stati Uniti, dell’Inghilterra e del Canada. Essi si caratterizzano per il ruolo di dominio esercitato dal mercato nel coordinare i comportamenti economici. Lo stato è relegato al ruolo di controllore con il compito di vigilare sul buon andamento delle relazioni fra i vari attori economici. Il finanziamento delle imprese è organizzato sul breve periodo, il mercato del lavoro è fortemente deregolato, l’istruzione e la formazione sono generaliste e c’è una forte competizione tra le imprese. Al contrario, nelle coordinated market economies il comportamento degli attori economici è coordinato strategicamente attraverso meccanismi esterni al mercato. I finanziamenti alle imprese sono di lungo periodo, le relazioni industriali sono cooperative e basate sulla ricerca del consenso. L’istruzione e la formazione si caratterizzano per una forte specializzazione e le relazioni tra le varie aziende sono caratterizzate dalla cooperazione anche in ambito tecnologico. A tale classificazione appartengono ad esempio i sistemi economici di Germania, Svezia e Svizzera. Differenze tra VOC e RT L’approccio dicotomico della VOC per gli esponenti della RT è da considerarsi eccessivamente semplicistico. Verrebbero, infatti, ad essere esclusi dall’analisi modelli organizzativi significativi per una descrizione più aderente alla complessa realtà dei sistemi capitalistici. Se tra le due analisi è rintracciabile una similitudine nell’individuazione dei due modelli posti agli estremi della scala, sarebbe errato considerare gli altri due modelli individuati dalla Regulation Theory semplicemente come sistemi intermedi poiché essi possiedono proprie e specifiche peculiarità. Questa non è, però, l’unica differenza tra i due approcci. Un’altra differenza è data dall’individuazione degli elementi fondamentali di ciascun sistema e dalle istituzioni che ne plasmano e guidano l’azione. Probabilmente, però, la differenza più significativa tra i due approcci è data dal modo con cui essi si relazionano al problema dei cambiamenti interni ai vari sistemi. Per la VOC i cambiamenti sono dovuti principalmente alla necessità di reagire agli shock esterni ma essi non influenzerebbero il nucleo della struttura istituzionale interna che resterebbe invariato. I cambiamenti si caratterizzerebbero per la loro natura esclusivamente marginale visto che la struttura istituzionale facendo ricorso alla propria capacità riorganizzativa riesce a mantenere la propria invariabilità anche nel lungo periodo. L’approccio al problema da parte della teoria della regolazione parte, invece, dal presupposto che le crisi che hanno interessato l’economia tedesca e giapponese negli anni ’90 fossero di natura strutturale. Frutto del culmine di un processo di cambiamento cominciato nei decenni precedenti che aveva comportato anche un cambiamento nelle istituzioni interne ai due paesi. In ultima analisi la VOC pone l’accento sulla permanenza della specificità delle CME in virtù dei vantaggi strutturali che esse hanno nei confronti delle LME. La RT si occupa di studiare le differenti risposte fornite dai vari modelli alle sollecitazione esterne e quali effetti essi provocheranno nel lungo periodo. Una tesi che si sposa a pieno con la concezione evolutistica dei vari modelli capitalistici caratteristica di tale approccio. 21 21 Robert Boyer, (2005) op. cit., p. 21
Estratto dalla tesi: Il dibattito sulla convergenza e le riforme Hartz.  Quali prospettive per la Soziale Marktwirtschaft?

Estratto dalla tesi:

Il dibattito sulla convergenza e le riforme Hartz. Quali prospettive per la Soziale Marktwirtschaft?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Felice Di Leo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Pietro Masina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 189

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crisi
riforme
crescita
convergenza
economia sociale di mercato
neoliberismo
codeterminazione
modello renano
hartz

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi