Skip to content

Il rapporto tra indicatori soggettivi e strutturali: il caso della qualità dell’ambiente.

Estratto della Tesi di Antonio Petrone

Mostra/Nascondi contenuto.
14 lato si mette in evidenza la continuità con la “morfologia sociale” 25 riconducibile persino a Durkheim, che tra l’altro accrediterebbe la sociologia dell’ambiente tra le discipline fondatrici della sociologia stessa. Dall’altro lato si mette in evidenza il filo rosso che lega le esperienze della scuola di Chicago degli anni ’20 dello scorso secolo, che confluiscono in quella che è stata chiamata la “nuova ecologia umana” 26 , con la prima vera teoria socio-ambientale, di stampo sistemico, il “complesso ecologico” di Duncan. 27 Accanto a queste illustri tradizioni a cui ricondurre l’origine dell’attuale sociologia dell’ambiente, va ricordata la caratteristica fondamentale di questa disciplina: l’interdisciplinarietà. Il concetto d’ambiente è, infatti, trasversale a tanti ambiti disciplinari e scientifici e collegato strettamente ad altri concetti cruciali, ma complessi, come quello, ad esempio, di sistema 28 . È quindi inevitabile che abbia ricevuto contributi da discipline vicine come l’economia (con l’economia ambientale 29 ), la demografia sociale (fin dai tempi della morfologia sociale), la psicologia sociale (con la psicologia 25 Per “morfologia sociale” generalmente si intende «nella letteratura più influenzata dalla cultura francese, la descrizione dello “sfondo” o “ambiente” geografico (distribuzione e struttura della popolazione degli insediamenti) in cui si pongono gli oggetti di studio più propriamente sociologico problemi sostantivi di tale “sfondo” sono trattati da altre discipline: la geografia, la demografia, ecc., che da tempo ormai non riconoscono alcun primato alla sociologia» (Strassoldo, 1992, p. 47). Una discussione sulla morfologia sociale si trova in Martinelli (1988). 26 Con l’espressione “ecologia umana” generalmente si intendono quelle teorie nate durante gli anni ’20 negli Stati Uniti ad opera della Scuola di Chicago (fondata da R. E. Park) che propongono l’applicazione di una serie di concetti ecologici all’uomo. Essa ha per oggetto lo «studio delle relazioni spaziali e temporali degli esseri umani in quanto influenzati dalle forze selettive, distributive e adattive che agiscono sull’ambiente» (Park, Burgess, MacKenzie, 1925; trad. it. 1967, p. 59). Non bisogna, qui, però, dimenticare una certa cautela definitoria in quanto «il caso dell’ecologia umana sembra molto più complesso, perché essa ha due fonti molto diverse — la biologia e la sociologia urbana —, perché ha avuto molto più successo, generando una gran quantità di studi e scuole, anche in direzioni molto diverse, e infine perché si è raccordata, in qualche modo e misura, con l’esplosione dell’ecologia “in senso lato” di questi ultimi due decenni» (Strassoldo, 1992, p. 47). 27 Altro filone, ma molto meno blasonato, è quello dell’ecologia sociale, che raccoglie un gruppo di studiosi tra cui si distingue lo studioso di estrazione anarchico-marxista Murray Bookchin (1971); a lui si deve l’idea che l’aspetto gerarchico (divisioni di classe e ceto) sia la vera causa della messa in pericolo dell’ambiente. L’autore propone come soluzione piccole comunità locali basate sul baratto. Ma anche l’espressione ecologia sociale comprende correnti di pensiero a volte molto distanti tra loro, come ricorda Strassoldo (1992, p. 55). 28 Per la relazione tra i concetti di ambiente e sistema si veda Strassoldo, 1987, Ambiente, voce di dizionario in De Marchi, Ellena, Cattarinussi. 29 Per economia ambientale si intende: «Una nuova disciplina che studia l’impatto dell’economia sull’ambiente, e le modalità appropriate per regolare l’attività economica in modo da bilanciare gli obiettivi economici, ambientali ed altri obiettivi sociali» (Kolstad, 2000, p. 1).
Estratto dalla tesi: Il rapporto tra indicatori soggettivi e strutturali: il caso della qualità dell’ambiente.

Estratto dalla tesi:

Il rapporto tra indicatori soggettivi e strutturali: il caso della qualità dell’ambiente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Petrone
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Metodologia delle scienze sociali
Anno: 2004
Docente/Relatore: Maria Concetta Pitrone
Correlatore: MaggiManlio
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
Dipartimento: Dipartimento di Ricera Sociale e Metodologia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ricerca sociale
qualità della vita
indicatori sociali
indicatori soggettivi
metodologia della ricerca sociale
qualità dell'ambiente

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi