Skip to content

Ambiente, salute, lavoro. Equilibrio possibile? Il caso Ilva di Taranto presentato dai giornali

Estratto della Tesi di Paola Ravasio

Mostra/Nascondi contenuto.
11 centinaio di pagine che sta alla base del decreto attuativo emanato dallo stesso ministro. Gli interventi prevedono il fermo degli impianti inquinanti fino alla fine dei lavori di messa in sicurezza. Gli esperti hanno rimodulato l’AIA anticipandone i tempi di messa in opera; in particolare si è deciso che la copertura del parco minerale principale dovrà essere conclusa entro il febbraio 2015, che dovranno essere messi in sicurezza gli scaricatori di porto attraverso benne ecologiche entro l’aprile del 2014 e andranno terminate entro luglio 2015. L’altoforno 1, fermato a dicembre 2012, andrà fatto ripartire nell’agosto 2014 dopo la definizione di soluzioni progettuali e la programmazione dei lavori. Per l’altoforno 2, fermato per crisi di mercato, il riavvio dovrà avvenire a partire dal gennaio 2014 e l'ultimazione degli interventi di depolverazione entro il 31 marzo 2014. Per l’altoforno 5, il più grande, gli esperti hanno programmato il fermo entro l'1 settembre 2014, e i lavori dovranno concludersi entro metà del 2015. A fine ottobre 2013 il ministro Andrea Orlando è intervenuto nuovamente sul caso Ilva di Taranto diffidando l’azienda a causa dei continui ritardi nell’attuazione delle disposizioni concordate e dopo aver accertato almeno undici violazioni: gli ispettori del ministero hanno riscontrato, tra quelle più significative, il superamento del valore di 25 grammi per tonnellata di coke nell'emissione di particolato con il flusso di vapore acqueo in uscita da quattro torri di spegnimento asservite ad altrettante batterie delle cokerie e soprattutto il persistere del fenomeno di “slopping” 4 . Nel novembre 2013 il gip Patrizia Todisco ha negato il dissequestro dello stabilimento perché l’Ilva persiste nell’inquinare e nulla è cambiato rispetto al passato. Solo piccoli ed economici interventi di facciata sono stati fatti, e nessuna opera seria di contenimento dell'inquinamento (ad esempio è stata posta una barriera frangivento sui parchi minerali al posto dell'imponente copertura dell'area imposta dall'AIA). La situazione dell’Ilva torna sotto i riflettori nel dicembre 2013 quando Enrico Bondi, il commissario straordinario, presenta la sua relazione sullo scenario dell’acciaieria. In questa afferma che «la gestione del gruppo Ilva è stata negativamente influenzata da eventi straordinari esterni che ne hanno condizionato 4 Lo slopping è un fenomeno che comporta l’espulsione di gas e nubi rossastre dai camini dell’azienda.
Estratto dalla tesi: Ambiente, salute, lavoro. Equilibrio possibile? Il caso Ilva di Taranto presentato dai giornali

Estratto dalla tesi:

Ambiente, salute, lavoro. Equilibrio possibile? Il caso Ilva di Taranto presentato dai giornali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paola Ravasio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Mario Salomone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi