Skip to content

Analisi di una traduzione manoscritta de "Il Principe" (manoscritto 1017 BNE)

Estratto della Tesi di Paolo Burattin

Mostra/Nascondi contenuto.
suo rilievo, accomunando in una sola condanna Italia, Francia, Spagna, (...)” 11 L'autore de Il Principe, inoltre, non diede importanza al fatto che l'impiego di mercenari, proprio in quell'epoca, era necessità assoluta per i sovrani, dediti a creare faticosamente nuovi stati nazionali. I monarchi necessitavano di un esercito agguerrito e questo si traduceva in una milizia costituita anche da gente di mestiere, indigena o straniera. Questa era condizione necessaria al rafforzamento interno e alla grandezza degli stati dell'Europa occidentale, sia per le guerre di conquista che per assicurarsi la conservazione, all'interno di una nazione, del potere centrale. Ulteriore errore di valutazione fu il porre in primo piano la figura del principe come responsabile di ogni eventuale problema insorto, giudicando i sovrani italiani colpevoli di aver cercato sudditi, non compagni, senza considerare che le falle del sistema italiano derivavano dalla costituzione di tutto l'organismo sociale e politico. 1.6 La clandestinità delle opere di Machiavelli Il Concilio di Trento, o Concilio Tridentino, fu il XIX Concilio ecumenico della Chiesa Cattolica, aperto dal pontefice Paolo III nel 1545 e chiuso, dopo numerose interruzioni, nel 1563. Questo concilio venne istituito con il fine di riformare la Chiesa e può essere inteso come reazione alle dottrine calviniste e luterane. Il nuovo attivismo che derivò nei confronti del Protestantesimo viene indicato in ambito storiografico col termine di Controriforma o, più raramente, Riforma cattolica. Nella XXV e ultima sessione, venne riaffermata la dottrina cattolica sul Purgatorio e sul culto dei santi, delle reliquie e delle immagini sacre e approvata la pratica delle indulgenze. Vennero infine affidate al pontefice e alla curia romana alcune questioni rimaste in sospeso per mancanza di tempo: la revisione del breviario, del messale, del catechismo e dell'Indice dei libri proibiti. L'Indice dei libri proibiti (Index Librorum Prohibitorum) era un elenco di pubblicazioni proibite dalla Chiesa Cattolica, creato nel 1559 per opera della Congregazione della Sacra Romana e Universale Inquisizione (o Sant'Uffizio), durante il pontificato di Papa Paolo IV . Tale elenco ebbe diverse versioni e fu soppresso solo nel 1965 con la fine dell'Inquisizione Romana, sostituita dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, secondo quanto sancito dal Concilio Vaticano II. Lo scopo dell'indice era quello di ostacolare la possibile contaminazione della fede e la corruzione morale attraverso la lettura di scritti il cui contenuto veniva considerato dall'autorità ecclesiastica non corretto sul piano teologico, se non addirittura immorale 12 . Machiavelli venne inserito, nel 1559, nell'indice degli autori proibiti e questo causò la censura della sue opere ma è essenziale ricordare che, dal termine della stesura dei suoi libri all'iscrizione nell'elenco intercorsero decenni, nei 11 Chabod, Federico (1993): Scritti su Machiavelli (IV capitolo: I caratteri e i limiti del pensiero del Machiavelli, pag. 81/82), introduzione di Corrado Vivanti, Piccola Biblioteca Einaudi. 12 Fonti storiche: Musi, Aurelio (2000): Le vie della modernità, Sansoni. A. Giardina, G. Sabbatucci, V . Vidotto (1988): Manuale di storia, L'età moderna, Editori Laterza. 7
Estratto dalla tesi: Analisi di una traduzione manoscritta de "Il Principe" (manoscritto 1017 BNE)

Estratto dalla tesi:

Analisi di una traduzione manoscritta de "Il Principe" (manoscritto 1017 BNE)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Burattin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: María Begoña Arbulu Barturen
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

il principe
manoscritto 1017 bne

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi