Skip to content

La fortuna italiana di un trovatore. Sordello nei secoli XIV e XV

Estratto della Tesi di Noemi Gloria Distefano

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Non siamo a conoscenza del momento esatto in cui Sordello si recò presso la corte dei San Bonifacio. Alla corte di Rizzardo Sordello trovò Cunizza donna che, stando alle ricostruzioni storiche, Rizzardo aveva sposato nel 1222, quando le famiglie dei Da Romano e dei San Bonifacio si erano pacificate suggellando i patti di pace con questo matrimonio e con quello di Ezzelino III con Zilia , Sorella di Rizzardo. Il trovatore mantovano compare dunque all'inizio della sua carriera nei panni di un galante corteggiatore nei confronti di una nobile dama della Marca duecentesca , Cunizza, sorella di Ezzelino ed Alberico da Romano , moglie del protettore di Sordello che egli amò e a cui cantò i suoi versi. A proposito di questo rapporto con Cunizza, Sordello divenne successivamente il principale protagonista di una storia a tinte forti che, inevitabilmente destò scandalo essendo -come suddetto - questa moglie del suo signore. Questo scandalo diede al poeta una grandissima notorietà a quel tempo, più di quella che le sue rime gli avevano dato sino ad allora : si riteneva possibile che il celebre ratto di Cunizza ( divenuto presto leggendario , molto studiato e discusso ) da parte di Sordello fosse, in realtà, stato voluto dai due fratelli della dama che, per varie controversie familiari, avrebbero deciso di incaricare Sordello del rapimento. Altri ritennero, facendo riferimento alle cronache coeve 5 , che il trovatore e la dama non avessero poi rapporti del tutto platonici. In quanto alle fonti, la notizia del ratto è ricavabile dalle biografie provenzali dove però è necessario notare che nella vida più ampia , il biografo riferisce: «Et entendet se en madompna Conissa , sor e ser Aicelin e de ser Albric (..) per voluntat de miser Aicelin (...) e menet la n via ». Con questo riferimento notiamo subito che viene presa in considerazione l'ipotesi che il mandante del ratto fosse uno dei fratelli e soprattutto è possibile accorgersi della sinteticità e velocità dell'informazione, come se il biografo non intendesse soffermarsi su un evento che destò all'epoca tanto scalpore. Tuttavia, ciò che attesta in Sordello solamente il portavoce di un'azione commissionata dall'alto non è solo un ipotesi. 5 LUCIA LAZZERINI, Letteratura medievale in lingua d' oc , Modena, Mucchi, 2001.
Estratto dalla tesi: La fortuna italiana di un trovatore. Sordello nei secoli XIV e XV

Estratto dalla tesi:

La fortuna italiana di un trovatore. Sordello nei secoli XIV e XV

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Noemi Gloria Distefano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Fabrizio Cigni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

commedia
filologia
trovatori
dante
fortuna
teofilo folengo
vidas
trovatore
sordello

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi