Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'ambiente competitivo e le Strategie Aziendali: il caso Mediaset.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Marco Mutolo Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3941 click dal 20/06/2016.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Marco Mutolo

Mostra/Nascondi contenuto.
Tra questi c’è il marchio, che per alcune aziende è l’attività patrimoniale più importante: esso rappresenta una sostanziale garanzia per il cliente, insieme all’affidabilità e alla qualità del prodotto, ed è il principale veicolo sul quale l’azienda si muove in un mercato competitivo poichè le permette di essere riconosciuta e identificata nel lungo termine. Nell’ambito di tale strategia, l’azienda può perseguire una differenziazione verticale o orizzontale. Nel primo caso, l’impresa decide di offrire al consumatore lo stesso prodotto, ma con diversi livelli di qualità e quindi di prezzo, facendo leva sulla disponibilità a pagare del cliente. Nel secondo, si preferisce ampliare la gamma dell’offerta in risposta ai differenti gusti dei consumatori: ogni prodotto si distingue quindi dall’altro in ragione della combinazione delle sue caratteristiche fisiche e materiali. Fondamentali, per l’applicazione di questa strategia, sono le ricerche di mercato o le competenze di marketing, utili a comprendere cosa il consumatore si aspetti effettivamente da un prodotto, o cosa potrebbe invogliarlo a pagare un premium price, comprendendo quale sia il legame tra il prodotto e il suo stile di vita. Il successo di tale strategia si realizza se l’azienda riesce quindi ad intuire quali siano i veri bisogni del consumatore e come soddisfarli con una combinazione ottimale delle risorse e delle competenze di cui dispone. Una strategia di questo tipo deve essere però gestita al meglio, altrimenti può diventare particolarmente rischiosa nei casi in cui il differenziale di prezzo tra concorrenti che seguono strategie di basso costo è molto alto o se i fattori che la determinano non soddisfano effettivamente un bisogno del consumatore. Gestire la differenziazione è perciò un processo che deve far sì che i costi sostenuti per realizzare tale strategia non vadano ad erodere i profitti attesi. 19
Estratto dalla tesi: L'ambiente competitivo e le Strategie Aziendali: il caso Mediaset.