Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Oltre l'enigma... Analisi del genere poliziesco e confronto con gli autori italiani contemporanei: Camilleri, Lucarelli e Carlotto

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere

Autore: Alessio Tellan Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 499 click dal 06/07/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Alessio Tellan

Mostra/Nascondi contenuto.
12 Poe viene ottemperata da una spinta contraria verso il razionale: fantastico e realistico si definiscono a vicenda ed esistono in quanto verificabili l’uno nei confronti dell’altro non solo nell’estetica di Poe stesso: tutta la letteratura cosiddetta fantastica ha come obiettivo programmatico il giungere in modo più diretto al centro del verum, del reale. 7 Ma se nel poliziesco entrambe le spinte sono presenti, nella parte finale rimane soltanto la componente razionale. Si tratta di una prospettiva prettamente naturalistica: a livello di explicit, il razionale deve spiegare ciò che dapprima era ritenuto dal lettore irrazionale. Da questo punto di vista il fantastico è in funzione del razionale. L’intervento di una spiegazione naturalistica restringe il campo fantastico iniziale. Di conseguenza la situazione di hésitation deve cedere, nella parte conclusiva, alla sicurezza. La direzione semantica seguita dal lettore, nel corso del testo poliziesco, procede «dal dubbio alla certezza, dall’hésitation alla salda conoscenza». 8 Crotti definisce la struttura del poliziesco “ad imbuto”. Si passa dal lato sensu, dall’apertura oscillante ed esitante – riscontrabile nell’esitazione del fantastico – ad una verifica restrittiva di senso. Il destinatario quindi incasella le ipotesi e chiude la plurisemanticità del testo. Il lettore che aveva trovato, in un momento iniziale, uno spazio liberamente associativo si ritrova poi rigidamente invischiato in uno stricto sensu, pagando così a fondo il piacere dell’irrazionale goduto precedentemente. 9 Così impostato, il poliziesco canonico è un’opera chiusa, rigidamente serrata. Secondo una visione ottimista, presuppone nella parte finale il reperimento dell’oggetto 7 I. CROTTI, La «detection» della scrittura, cit., p. 10. 8 Ivi, p. 11. 9 Ibidem.
Estratto dalla tesi: Oltre l'enigma... Analisi del genere poliziesco e confronto con gli autori italiani contemporanei: Camilleri, Lucarelli e Carlotto