Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie adattative al parassitismo nei cestodi

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Giorgia Natalini Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 205 click dal 13/07/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Giorgia Natalini

Mostra/Nascondi contenuto.
L’apparato escretore/osmoregolatore è sempre costituito da protonefridi e da due canali laterali, o vasi acquiferi, che percorrono il corpo del cestode, dallo scolice fino all’ultima proglottide, ove terminano con due pori escretori. Il fluido escretore presente nei canali di Hymenolepis diminuta, contiene glucosio, acido lattico, proteine solubili, urea e ammoniaca (Webster & Wilson, 1970). Il sistema nervoso consta di un addensamento di cellule nervose e in tutti i cestodi, ad eccezione di Diphyllobothrium, consiste di una coppia di gangli cerebrali localizzati nello scolice e due cordoni nervosi che si estendono lateralmente su tutta la lunghezza della strobila (Halton & Gustafsson, 1996). Un numero di nervi più piccoli innervano i muscoli, i sistemi sensoriali e varie strutture riproduttive. Il sistema nervoso è altamente sviluppato nello scolice, con nervi associati a varie strutture usate per attaccarsi, come per esempio l’acetabula, le botrie e i botridi e il rostello. Dato che i cestodi sono privi di un intestino, i nutrienti vengono assorbiti attraverso la superficie. L’assorbimento dei nutrienti è aiutato dal trasporto attivo, dalla diffusione mediata e dalla diffusione semplice (Lumsden 1966). La maggior parte dei cestodi non produce enzimi digestivi e le loro esigenze nutrizionali dipendono dall’ospite. Glucosio, galattosio e gli amminoacidi sono trasportati attivamente attraverso il tegumento. Le purine e le pirimidine, necessarie per la sintesi del DNA e dell’RNA, sono assorbite tramite diffusione facilitata (Pappas & Read, 1975). 22
Estratto dalla tesi: Strategie adattative al parassitismo nei cestodi