Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La governance economica europea e il ruolo delle organizzazioni finanziarie internazionali

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Dipartimento di Economia e Giurisprudenza

Autore: Stefania Perez Contatta »

Composta da 250 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 405 click dal 13/07/2016.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Stefania Perez

Mostra/Nascondi contenuto.
20 Il coordinamento delle politiche economiche degli Stati membri viene attualmente regolato dagli artt. del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea che vanno dal 120 al 126, mentre l’esatta definizione delle stesse rimane di esclusiva competenza dei singoli governi. Sulla base del combinato disposto degli artt. 2, n. 3 38 e 5, n. 1 39 del TFUE, gli Stati membri coordinano le loro politiche economiche secondo le modalità previste dal trattato e gli indirizzi di massima costituiscono lo strumento messo a disposizione del Consiglio dell’Unione per la realizzazione di tale coordinamento, che deve avvenire in conformità a due principi fondamentali dell’ordine economico europeo: vale a dire quello di un‘economia di mercato aperta e in libera concorrenza e quello dell’efficace allocazione delle risorse (art. 120 TFUE) 40 . Ci troviamo in questo caso di fronte all’applicazione del principio delle competenze espresse che viene regolato dall’art. 5 del Trattato sull’Unione Europea, così come modificato dal Trattato di Lisbona, secondo il quale l’Unione agisce nel rispetto dei limiti delle competenze che le sono state attribuite dagli Stati nei Trattati per perseguire gli scopi da essi prefissati 41 di modo che alle istituzioni europee è riconosciuto il potere di adottare i provvedimenti, necessari o utili, in relazione agli obiettivi dei Trattati, o semplicemente ad alcuni di essi. Quanto ai settori di competenza concorrente essi possono essere oggetto di attività legislativa sia da parte dell’Unione sia da parte degli Stati per cui la competenza statale, stabilita dall’art. 2 TFUE, è costruita in termini residuali rispetto a quella comunitaria giacchØ è espressamente affermato che la competenza statale possa essere esercitata soltanto qualora le istituzioni non abbiano fatto uso della propria o abbiano deciso di cessare dall’esercitarla 42 . 38 Art. 2, n. 3 TFUE: “Gli Stati membri coordinano le loro politiche economiche e occupazionali secondo le modalità previste dal presente trattato, la definizione delle quali è di competenza dell’Unione.” 39 Art. 5, n. 1 TFUE: “Gli Stati membri coordinano le loro politiche economiche nell’ambito dell’Unione. A tal fine il Consiglio adotta delle misure, in particolare gli indirizzi di massima per dette politiche.” 40 Tali principi verranno esaurientemente trattati nel prosieguo della trattazione. 41 G. TESAURO, Il diritto dell’Unione Europea, Padova, Cedam, 2010, pp. 100-101. 42 G. TESAURO (2010), op. cit., p. 103.
Estratto dalla tesi: La governance economica europea e il ruolo delle organizzazioni finanziarie internazionali