Skip to content

Le «Lettres du Voyant» di Arthur Rimbaud

Estratto della Tesi di Michela Simonelli

Mostra/Nascondi contenuto.
9 2. Capire Arthur Rimbaud : studi e influenze Per comprendere a fondo il pensiero di Rimbaud e le motivazioni che lo spinsero a scrivere le rivoluzionari lettere del 1871 è fondamentale conoscere le influenze e la formazione letteraria non solo del poeta stesso, ma anche dei destinatari dei due documenti. Infatti, nonostante Rimbaud fosse un accanito lettore, furono i due destinatari delle lettere in questione (soprattutto il suo ex professore, Izambard) ad indirizzarlo verso determinati movimenti poetici od opere letterarie specifiche. Infine, è fondamentale sottolineare come Arthur Rimbaud abbia subito l’influsso di diverse correnti letterarie, ma come non abbia mai fatto parte di alcuna di esse. 2.1 Le radici parnassiane Gli autori letti da Rimbaud furono senza alcun dubbio innumerevoli; questo non significa che ognuno di loro lo abbia influenzato in qualche modo. Anzi, molti di questi scrittori non vennero nemmeno apprezzati dal giovane poeta, e vennero addirittura criticati – d’altronde la «lettera del visionario» indirizzata a Paul Demeny non è altro che una lunga accusa. Rimbaud sembrava non dar peso alla reputazione di certi grandi autori, assumendosi invece il compito di svelare al resto dei lettori dove e come le loro opere presentassero difetti imperdonabili. Nonostante la giovanissima età, le idee parevano chiare e ben delineate nella sua mente; tuttavia, forse proprio a causa dei suoi anni, queste idee erano in realtà soggette a continuo mutamento. Uno dei primi amori di Rimbaud, come visto brevemente nei cenni biografici, fu la poesia parnassiana. Il termine «Parnasse» era stato utilizzato per la prima volta nel 1866, all’interno dell’antologia Le parnassien contemporain, la stessa antologia nella quale Rimbaud aveva chiesto di essere pubblicato tramite una lettera a Théodore de Banville. Questa nuova scuola poetica potrebbe essere definita come la reazione al sentimentalismo romantico: se i romantici scrivevano trasportati da un’ispirazione immediata, i parnassiani si riservavano un lungo lavoro minuzioso per ottenere una poesia, a loro avviso, perfetta. Infatti, l’arte, e quindi il linguaggio, non doveva avere un ruolo specifico, ma doveva semplicemente essere fine a sé stessa, secondo il principio de «l’art pour l’art» teorizzato da Théophile Gautier (1811 – 1872), il quale spiegò: Il n’y a de vraiment beau que ce qui ne peut servir à rien ; tout ce qui est utile est laid, car c’est l’expression de quelque besoin, et ceux de l’homme sont ignobles et dégoûtants, comme sa pauvre et infirme nature. 14 14 T. GAUTIER, Mademoiselle de Maupin, double amour, Préface, Renduel, Paris 1835.
Estratto dalla tesi: Le «Lettres du Voyant» di Arthur Rimbaud

Estratto dalla tesi:

Le «Lettres du Voyant» di Arthur Rimbaud

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michela Simonelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Federica Locatelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi