Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il promotore finanziario: aspetti civilistici e fiscali

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Leda Forenza Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 383 click dal 19/07/2016.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Leda Forenza

Mostra/Nascondi contenuto.
14 1987 11 eil successivo studio della CONSOB, "Linee di progetto per una riforma del mercato borsistico" 12 , nei quali la Commissione denunciava i problemi che caratterizzavano il mercato borsistico di quei tempi e si proponeva le rispettive soluzioni, comincia a farsi sentire il bisogno di creare una disciplina specifica del a) funzione di vigilanza sugli intermediari che operano nel mercato finanziario, al fine di assicurare la correttezza e la trasparenza dei comportamenti di questi ultimi nei confronti dei clienti.Essa vigila, inoltre, sulla comunicazione da parte delle società quotate delle cosiddette informazioni privilegiate (suscettibili di influire in modo sensibile sui prezzi degli strumenti finanziari) e può richiedere agli organi amministrativi e di controllo la comunicazione al pubblico di ulteriori notizie e documenti. b) F u n z i o n e d i c o n t r o l l o s u ll ’ i n f o r m a z i o n e f o r ni t a a l m e r c a t o, a l f i ne d i t ut e l a r e il pu bbli c o de i risparmiatori e di consentire a ciascun investitore di effettuare una consapevole scelta di investimento. 11 Da l l a R e l a z i o n e C ON S OB s u ll ’ a nn o 1987 s i e vi n c e : ‘ ’ Negli ultimi anni, infatti, il susseguirsi degli e v e nti , il pr ogr e dir e de ll a tec nologi a e , non ult im o, l’ a ff e r mar s i di una nuov a c ult ur a più at tenta ne i confronti delle problematiche economico- industriali, hanno evidenziato, con sempre maggiore v igor e , l’ inadeguate z z a de ll e nor me e la r igi de z z a de ll e f or mule de ll a att uale legis laz ione s ull e bor s e valori ancora risalenti nelle sue linee essenziali al 1913 e pertanto non più adeguata a sostenere le esigenze di finanziamento delle imprese sul mercato dei capitali. D’ alt r a par te, anc he il p r oc e s s o di int e gr a z ione i nter naz ional e d e i me r c ati f inanz iar i, c he v a s e mp r e più interessando il nostro Paese, e le prossime scadenze comunitarie del 1992, hanno contribuito a quali f icar e c ome ogge tt ivam e nte ur ge nte l’ e s igenz a di un int e r v e nto di ade guame nto de ll a dis c ipl ina delle attività di intermediazione mobiliare e di rinnovamento delle strutture di mercato, anche al fine di evitare le penalizzazioni che, nel l’ e v e ntual it à d i r it ar di, v e r r e bbe r o a c olpi r e gli ope r ator i it ali ani, in r agione de ll a c r e s c e nte c onc or r e nz ial it à de i me r c ati de i c apit ali . [ … ] ’ ’ . S i i nvi t a a l e gge r e l ’ i n t e r a r e l a z i o n e p e r un m a gg i o r e a ppr o f o n d im e n t o s ul s i t o www.consob.it/documenti/Pubblicazioni/Relazione_annuale/rel1987.pdf. 12 I l do c u m e n to C ON S OB ‘ ’ Linee di progetto per una riforma del mercato borsistico ’ ’ de l 30 a pr i l e 1987, ‘ ’ [ …] anticipava in buona parte i contenuti della normativa successiva. In particolare, venivanosottolineate le principali anomalie del nostro mercato rispetto a quelli esteri, s opr att utt o in r e laz ione all ’ e s is ten z a di una dupl icità di me r c ati – uno regolamentato ed uno non regolamentato – pe r la tr att az ione de i ti tol i q uotat i, ( … ) . ( … ) , la C omm is s ione s ott oli ne ava la ne c e s s it à di is ti tui r e una nuov a f igur a di s ogg e tt o dall ’ ope r ati v it à poli f unz ional e , indi pe nde nte, s ott opos to ad un nuov o e d appos it o r e gime di auto r iz z a z ione e di v igi lanz a, ( … ) . [ … ] ’ ’ . R. CAPARVI, Il mercato mobiliare italiano. Strutture e tendenze evolutive, FrancoAngeli, Milano, 2003, pag. 30.
Estratto dalla tesi: Il promotore finanziario: aspetti civilistici e fiscali