Skip to content

Leandro Arpinati. Un gerarca fascista fra calcio e politica

Estratto della Tesi di Filippo Ricciarelli

Mostra/Nascondi contenuto.
9 all’entrata in guerra nel Maggio 1915 come nuovo alleato della Triplice Intesa (Gran Bretagna, Francia e Russia). Questo cambio di strategia fu dovuto principalmente alla debolezza della vecchia classe politica liberale di fronte alle pressioni dei socialisti, sempre più potenti dopo la riforma elettorale del 1911, e dei nazionalisti, Gabriele D’Annunzio in testa, che erano decisi ad impadronirsi delle ‘terre irredente’, cioè di quei territori stranieri nei quali vivevano comunità italiane desiderose di ricongiungersi con la propria patria. Mussolini cavalcò questi movimenti di opinione, facendo leva sul fatto che, grazie alle promesse dei nuovi alleati dell’Intesa, con la vittoria sull’arcinemico austriaco si sarebbe potuta completare la tanto attesa riunificazione nazionale riprendendo possesso di Trento e Trieste. Il triennio 1915-1918 dunque fu molto difficile per il paese, viste le aspettative descritte precedentemente: le sconfitte sul fronte del Piave e la pesante condizione della guerra di trincea smentivano profondamente le concezioni futuriste del conflitto bellico in sé, visto come teatro ideale per prove di orgoglio ed ardore mentre in realtà si andava letteralmente a morire per conquistare pochi inutili centimetri di terra. La disfatta di Caporetto del 24 Ottobre 1917 comportò la sostituzione del generale Luigi Cadorna con Armando Diaz e segnò il punto di svolta del fronte italiano, che riuscì, grazie anche all’aiuto americano (si consideri anche il contributo di Ernest Hemingway narrato nel suo capolavoro “Addio alle armi”), a recuperare i territori perduti e a far capitolare gli austriaci a Vittorio Veneto il 4 Novembre 1918, ponendo fine al conflitto; le condizioni di pace richieste dall’Italia (annessione di Trento, Trieste, Istria e Dalmazia al Regno D’Italia) però non vennero soddisfatte, a causa dell’intervento del presidente americano Woodrow Wilson e l’imposizione dei suoi famosi “14 Punti” nelle trattative di pace di Versailles, nullificando tutti gli accordi segreti stipulati preventivamente tra gli alleati. L’Italia era uscita vittoriosa, anche se il prezzo da pagare per sostenere l’industria bellica era stato altissimo in termini di costi economici e di vite umane, e il processo di ricostruzione e di risanamento graduale del paese venne turbato dai continui movimenti sociali originati dai reduci del fronte, poi dagli operai ed infine dai neonati gruppi fascisti. Mauro Grimaldi fa giustamente notare nella sua opera “Leandro Arpinati. Un anarchico alla corte di Mussolini.” che “(…) questo delicato periodo storico, si presta, almeno nella genesi iniziale, a più chiavi di interpretazione, molte delle quali finiscono per individuare la strumentalizzazione di questo movimento (il PNF) da parte dei grandi capitalisti e dei latifondisti agrari, contro i movimenti sindacali ed operai, beneficiando spesso della tolleranza degli organismi di governo e della polizia. Ed è proprio l’emergere di questo
Estratto dalla tesi: Leandro Arpinati. Un gerarca fascista fra calcio e politica

Estratto dalla tesi:

Leandro Arpinati. Un gerarca fascista fra calcio e politica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Ricciarelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Fulvio Conti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fascismo
mussolini
bologna
figc
pnf
starace
arpinati
malacappa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi