Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tempo della fiaba e tempo della storia in Calvino

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Arianna Bedini Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1323 click dal 28/07/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Arianna Bedini

Mostra/Nascondi contenuto.
nomico e sociale) si dimostra insostenibile, così come una possibilità di progettazio- ne che non sia a breve scadenza, per tirare avanti alla meno peggio. […] Gli anni Sessanta sono un’epoca di rinnovamento dell’orizzonte culturale, vista l’inadeguate- zza del modo di conoscenza umanistico a comprendere il mondo . 42 Nell’anno della nascita di sua figlia Giovanna, il 1965, Calvino pubblica le Co- smicomiche, storie di fantascienza, astronomia e cosmologia . Due anni dopo si 43 trasferisce con la famiglia a Parigi, e pubblica Ti con zero, in cui affronta gli stessi argomenti trattati nelle Cosmicomiche. Nel 1966 muore Elio Vittorini, e la posizione di Calvino riguardo l’attualità cambia, portandolo a prenderne le distanze, a cambiare ritmi («Non che sia diminuito il mio interesse per quello che succede, ma non sento più la spinta a esserci in mezzo in prima persona» ). 44 Così arriviamo agli anni Settanta. All’assuefazione al peggio della società, una rispo- sta della letteratura che non sia mimetica, a rimorchio dell’esistere, ancora non si vede . 45 Nel 1970 pubblica il volume di racconti Gli amori difficili. Esce nello stesso anno la sua lettura dell’Orlando Furioso (Orlando Furioso di Ludovico Ariosto rac- contato da Italo Calvino). Nel 1972 pubblica Le città invisibili, e l’anno dopo esce Il castello dei destini incro- ciati. Torna nel 1979 con Se una notte d’inverno un viaggiatore. L’anno dopo racco- glie i suoi saggi più significativi, a partire dal 1955, nel volume Una pietra sopra. Discorsi di letteratura e società. Nello stesso anno si trasferisce a Roma. Nel 1983 esce Palomar. Muore nella notte tra il 18 e il 19 settembre 1985 nell’ospedale di Santa Maria della Scala di Siena, a causa di un ictus cerebrale. In quella stessa estate scrive le Lezioni americane. Sei proposte per l’ultimo millennio, un ciclo di sei conferenze che l’Autore era stato invitato a tenere presso l’università americana di Har- vard . 46 Italo Calvino, Sotto quella pietra, in «La Repubblica», 15 aprile 1980. 42 Di Carlo, Come leggere cit., p.26. 43 Ferdinando Camon, Il mestiere di scrittore. Conversazioni critiche con G. Bassani, I. Calvi 44 - no, C. Cassola, A. Moravia, O. Ottieri, P .P . Pasolini, V . Pratolini, R. Roversi, P . Volponi, Garzanti, Milano 1973. Idem. 45 Ibidem, p.27-28. 46   11
Estratto dalla tesi: Tempo della fiaba e tempo della storia in Calvino