Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’innovazione di valore nella Strategia Blue Ocean: il caso Moleskine

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Chimienti Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1517 click dal 28/07/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Francesco Chimienti

Mostra/Nascondi contenuto.
    35   L’esperienza di Franceschi, che aveva lanciato in precedenza «Parole di cotone” 18 , riscontrando discreto successo, e le conoscenze di Baruzzi nel settore della distribuzione di prodotti cartacei, furono decisive nella percezione che fosse necessario creare un prodotto nuovo, che trasformasse l’immagine della Modo & Modo, da comune casa editrice ad azienda di successo. Essi volevano distinguersi dalla concorrenza, creando nel cliente la percezione di acquistare un prodotto che non avesse solo un scopo funzionale, ma che diventasse un inseparabile compagno di viaggio. Per raggiungere questo obiettivo era importante riuscire a delineare un posizionamento competitivo chiaro e preciso. In che modo? Puntando non sulle classiche strategie competitive di base del mercato (leadership di costo, differenziazione o focalizzazione), bensì, utilizzando un approccio innovativo, come formulato dalla strategia Blue Ocean, basato sull’analisi di mercati che non fossero diretti concorrenti, focalizzandosi sul quadro complessivo ed estendendo la dimensione oltre la domanda esistente. A metà anni ’90, data del lancio della linea “Keep Moving” al quale apparteneva anche il taccuino Moleskine, erano, infatti, già presenti primitivi modelli di computer portatili e spuntavano i primi cellulari e i primi palmari, al quale in seguito furono aggiunte altre funzioni come l’agenda elettronica e il calendario. Questi prodotti sono nati e cresciuti insieme al mondo di internet. Nel periodo in cui si diffusero questi piccoli oggetti tecnologici, rettangolari, neri, molto compatti ed essenziali, il taccuino della Moleskine non ha mai provato a sostituirsi, anzi ha cercato di affiancarsi a questi prodotti, presentandosi come oggetto complementare alla famiglia degli oggetti portatili.                                                                                                                 18 “Parole di costone” era un progetto che riguardava la stampa di t-shirt con delle frasi poetiche stampate sopra.
Estratto dalla tesi: L’innovazione di valore nella Strategia Blue Ocean: il caso Moleskine