Skip to content

L'imposta municipale urbana, il ruolo del comune nell'ottica del federalismo fiscale

Estratto della Tesi di Veronica Quattrocchi

Mostra/Nascondi contenuto.
15 decreto della manovra economica, il ‘’salva Italia‘’ (D.L. 201/2011) non solo ha anticipato in via sperimentale l’Imu, ma ha impresso una notevole modificazione all’impianto preesistente, appena creato, dell’intera imposizione municipale. Le principali modifiche attengono: in primo luogo, all’assoggettamento all’imposta della ‘’prima casa 24 ’’; in secondo luogo, alla riserva a favore dello Stato e con versamento diretto ad esso, della ’’quota di imposta pari alla metà dell’importo calcolato applicando alla base imponibile di tutti gli immobili, ad eccezione dell’abitazione principale e delle relative pertinenze …., nonché dei fabbricati rurali ad uso strumentale …., l’aliquota di base ….. Le detrazioni previste dal presente articolo, nonché le detrazioni e le riduzioni di aliquote deliberate dai comuni non si applicano alla quota di imposta riservata allo Stato di cui al periodo precedente’’. È ben possibile, dato il contesto in cui il provvedimento è maturato che queste due misure siano soprattutto ispirate ad esigenze di risanamento dei conti pubblici. Specialmente la riserva allo Stato di una quota del tributo locale pare mirata non solo a far ‘’riappropriare‘’ l’erario del gettito dell’IRPEF sui redditi fondiari dei beni non locati, assorbita dall’IMU, ma ad incrementare notevolmente le entrate rispetto alla situazione preesistente. Attualmente la legge di stabilità del 2013, legge n. 228/2012, ha previsto l’abrogazione della quota d’imposta statale, inizialmente attribuita dall’art 13, comma 11, del D.L. n. 201/2011, per le residue annualità di vigenza nella versione sperimentale del tributo comunale, con la sola eccezione di una quota pari allo 0,76% dell’imposta dovuta ai fabbricati di categoria catastale D. Il quadro delle novità del ‘’Decreto Monti‘’ che qui interessano va completato con altre due misure. La prima è costituita dalla istituzione della TARES, tributo comunale sui rifiuti e sui servizi applicabile dal 2013, con una norma (art. 14 d.l. cit.) che detta una disciplina più organica dei tormentati, vigenti prelievi per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Una importante ‘’novità’’, che si riflette anche nella denominazione del tributo, è costituita dal fatto che esso è destinato non solo alla ‘’copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento, svolto in regime di privativa dai comuni’’, ma anche attraverso un’apposita maggiorazione, alla copertura ‘’dei costi relativi ai servizi indivisibili dei comuni‘’. La seconda misura che qui interessa è l’istituzione di un’imposta patrimoniale sul valore degli immobili situati all’estero a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche ( art.19, commi 13 ss., d.l. cit.), cui si applicano in virtù di successive modifiche (art. 19, comma 15 bis), le detrazioni per l’abitazione principale analoghe a quelle previste per l’IMU (a conferma della natura omogenea dei due prelievi). 24 Trattandosi di un’autonoma iniziativa legislativa e non di un decreto di attuazione della legge di delega n. 42/2009, è stato possibile superare il divieto, posto da quest’ultima, dell’introduzione di un tributo analogo all’ICI sulla prima casa.
Estratto dalla tesi: L'imposta municipale urbana, il ruolo del comune nell'ottica del federalismo fiscale

Estratto dalla tesi:

L'imposta municipale urbana, il ruolo del comune nell'ottica del federalismo fiscale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Quattrocchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Thomas Tassani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comuni
potestà regolamentare
ici/imu per gli immobili demaniali
reddito agrario
l'imu nelle altre procedure concorsuali
l'imu nel fallimento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi