Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetti di prevenzione delle addiction e new addiction nei giovanissimi

Tesi di Master

Autore: Concetta Pascarella Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 557 click dal 14/09/2016.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Concetta Pascarella

Mostra/Nascondi contenuto.
SOSTANZE STUPEFACENTI O DROGHE Nel linguaggio comune droga e sostanza stupefacente sono sinonimi ma in realtà non è così, infatti in farmacologia si definisce droga una sostanza di origine naturale usata a scopi medicamentosi mentre quando si parla di sostanza stupefacente, si fa riferimento a sostanza, di origine sintetica o naturale, che agisce sul SNC prevalentemente sullo stato di coscienza, usata per la ricerca del mero piacere. Il soggetto intossicato a seguito di assunzione di droga, subisce delle modificazioni a livello psicologico e dell'attività mentale ed in base all'azione della sostanza si può essere più tranquilli, più irascibili, con aumentato desiderio sessuale o l'esatto opposto fino ad arrivare a stati mentali estremi che inducono allucinazioni. Nel credo comune esistono due grandi categorie di stupefacenti, le droghe pesanti e quelle leggere, addirittura l'uso di alcune di esse non rientra fra il concetto comune di sostanza; è il caso di tabacco, alcool o benzodiazepine. E' naturale che questa distinzione non affondi le sue radici nella conoscenza scientifica bensì su immotivati credi popolari: un uso cronico di cannabis non è certo meno pericoloso di uno sporadico uso di MDMA o di un tiro di cocaina una volta ogni tre mesi. Le sostanze possono essere assunte per vie diverse: fumate, sniffate, ingerite, mangiate, iniettate. Le sostanze stupefacenti inducono dipendenza. Questa è fisica quando, a seguito di non assunzione regolare di una data sostanza, il soggetto manifesta dolori addominali, nausea e vomito, sudorazione e dolori muscolo Pag 19 di 184
Estratto dalla tesi: Progetti di prevenzione delle addiction e new addiction nei giovanissimi